image

Come trovare il coraggio per cambiare vita

Quante volte siamo stati raggiunti dal desiderio di cambiare vita? La voglia di lasciare tutto e ripartire da zero può arrivare a qualsiasi età. Quando si è adolescenti o quando si è più maturi e non importa se si sono superati i 50 o i 60 anni.

Come vedremo oggi, per cambiare vita serve molto coraggio ed è una decisione che può portare diversi stravolgimenti: cambiare lavoro, città, partner, abitudini e stile di vita.

Come cambiare la propria vita

Un giorno, dopo un lungo periodo di riflessione potrebbe balenare il desiderio: “voglio cambiare vita” e chiedersi “come posso cambiare la mia vita?”.

Probabilmente si sta vivendo un periodo di forte stress a lavoro, si avvertono bassi livelli di autostima, si hanno difficoltà a trovare concentrazione e motivazioni.

Prima di prendere qualsiasi decisione, il consiglio è di guardarsi dentro, cercando di esaminare a mente lucida i perché e i motivi di tale desiderio.

Talvolta, potrebbe essere sufficiente concedersi un periodo di vacanza, altre volte, i motivi potrebbero essere più profondi. In quest’ultimo caso, è sempre utile confrontarsi e parlarne con le persone care e con figure esperte: un life coach, un mentore o uno psicologo.

Ma, cosa si potrebbe fare per cambiare vita:

Viaggiare

La quasi totalità della popolazione mondiale ha trascorso un periodo di forti cambiamenti e novità. L’impossibilità di viaggiare e la limitazione delle relazioni interpersonali possono essere la causa principale di una certa instabilità.

Ora che viaggiare è nuovamente una possibilità, potrebbe essere arrivato il momento giusto per dare una svolta alla propria vita, concedendosi un lungo periodo finalizzato a scoprire nuovi posti e a conoscere meglio sé stessi.

Forse non tutti sono a conoscenza che è possibile, ad alcune condizioni, chiedere un anno sabbatico, il quale potrebbe essere un’occasione unica per schiarirsi le idee, senza perdere il lavoro.

Cambiare lavoro

Considerato che un lavoro full-time occupa quasi la metà del tempo a nostra disposizione ogni giorno, è probabile che il desiderio di cambiamento, sia dovuto dal proprio lavoro, che potrebbe non piacere più o non gratificare come un tempo.

Il solo pensiero di dare le dimissioni e cambiare lavoro potrebbe generare uno stato d’ansia e di apprensione, soprattutto nei lavoratori senior d’età compresa tra i 50 e i 60 anni.

Tuttavia, l’età non dovrebbe essere un freno. Non è mai troppo tardi per lasciare tutto e cambiare la propria vita. Un nuovo lavoro potrebbe portare nuovi stimoli; si potrebbe pensare di aprire un’attività trasformando le proprie passioni in un lavoro.

Volontariato

Intraprendere un’esperienza di volontariato permette di aiutare il prossimo, di sentirsi utili per la società, di conoscere nuove persone.

È una scelta ben precisa che può aprire le strade verso il cambiamento. Si può pensare di iniziare aiutando le persone in difficoltà rivolgendosi alle numerose associazioni del territorio. In futuro, niente vieta di decidere per un’esperienza di volontariato all’estero. Un’esperienza che sicuramente avrà un impatto positivo sulla propria vita.
Cambiare la propria ruotine

A volte può essere sufficiente cambiare stile vita, per ritrovare il benessere e la serenità perduta. Uno stile di vita troppo sedentario, un’alimentazione scorretta possono influenzare lo stato d’animo.

Iniziare a praticare uno sport: yoga, nuoto, palestra, contattare un nutrizionista, dedicarsi maggiormente alla cura della propria persona, dormire meglio, sono piccoli accorgimenti che influenzano positivamente l’umore.

Nuovi obiettivi

Gli obiettivi personali cambiano continuamente con il passare dell’età. A 30 anni, l’obiettivo potrebbe essere trovare un lavoro gratificante e acquistare una casa di proprietà, a 40 anni si può aver voglia di nuove sfide, a 50 anni o 60 anni lo stile di vita finora condotto potrebbe non piacere più.

Insomma, definire sempre nuovi obiettivi seguendo un percorso costante di crescita e sviluppo aiuta a realizzare sé stessi e le proprie ambizioni.

Nuovi amici e relazioni

Cambiare vita a volte è un pensiero causato da relazioni interpersonali poco gratificanti.

Colleghi di lavoro tossici, amici che non si dimostrano tali, affetti che vengono meno nel momento del bisogno. Non è mai troppo tardi per conoscere nuove persone.

Iscriversi in palestra, partecipare ad attività di volontariato, iscriversi a corsi di formazione, ma anche semplicemente uscire più spesso per una passeggiata. Sono numerosi in momenti che possono agevolare la conoscenza di nuove persone.

Dire di sì, dire di no

Sono le scelte compiute ogni giorno che influenzano il nostro benessere e il nostro umore. Talvolta non saper “dire di no”, come anche dire troppo spesso “sì”, può portare a situazioni spiacevoli che possono protrarsi anche per un periodo più o meno lungo di tempo.

Riflettere bene prima di accettare o rifiutare una proposta prendendosi del tempo prima di rispondere affermativamente o negativamente può essere un ottimo modo per mantenere il pieno controllo della propria vita, direzionandola verso il cambiamento sperato.

Trovare lo scopo della vita

Tutti i punti finora riportati riconducono alla necessità di trovare uno scopo nella propria vita.

Il desiderio di cambiare vita nasce quando si avverte di non essere pienamente realizzati e felici. Individuare quali punti cambiare: il proprio lavoro, il proprio stile di vita, la ruotine quotidiana, è il primo passo da compiere.

Modificare aspetti e abitudini ormai radicati non è semplice, ma con il tempo e la dedizione i risultati non tarderanno ad arrivare.

Trovare la forza di cambiare vita

Per cambiare vita, ciò che spesso manca è il coraggio. È del tutto normale avere paura di cambiare. I grandi cambiamenti causano forti emozioni, spesso non positive: pensiamo alla scelta di rompere i rapporti con il partner o con un caro amico, come anche: cambiare lavoro, trasferirsi all’estero.

Inoltre, è lecito porsi domande riguardo le proprie scelte, chiedersi cioè se la decisione presa è corretta, se non si rischia di peggiorare ulteriormente le cose.

Il rischio è che la paura possa fare da freno alle nostre decisioni. Molto dipende dalla personalità di ogni individuo. Come confermato in uno studio del National Library of Medicine, alcune persone sono caratterialmente più propense al cambiamento e al rischio. Altre invece, spesso con una minore autostima, hanno più difficoltà a trovare il coraggio per cambiare vita.

Come superare quindi la paura di cambiare? Non esiste una risposta univoca ma i punti qui riportati possono essere un interessante spunto di riflessione.

Non avrai mai tutte le risposte

Indugiare e avere la sensazione che non si siano valutati tutti i pro e i contro che potrebbe causare un cambio di vita, è normale. Così come lo è cercare di valutare ogni minimo aspetto prima di prendere una decisione importante.

Tuttavia, è bene considerare che, come essere umani, siamo portati a commettere errori di valutazione, che però non dovrebbero essere un freno, tale aspetto dovrebbe spingere le persone a fidarsi di sé stesse e della decisione presa.

Un passo alla volta

Trovare la forza di cambiare vita non è semplice. Come riportato in questo approfondimento, prendere importanti e nuove decisioni destabilizza. Ciò è vero a ogni età: a 30 anni come a 60 anni.

Ebbene si può pensare di compiere un passo alla volta, avvicinandosi pian piano verso un nuovo stile di vita così da rendere il passaggio il meno traumatico possibile.

Accettare il fallimento

E infine ciò che dovrebbe dare il coraggio di cambiare vita è accettare un eventuale fallimento. Non riuscire in qualcosa, infatti, andrebbe accettato e inserito nel proprio bagaglio di esperienze.

Non riuscire a cambiare lavoro, a cambiare stile di vita o altri aspetti della propria vita, non deve essere motivo di rinuncia. Il giorno dopo si può ripartire, facendo tesoro degli errori commessi senza alcuna paura di sbagliare o non riuscire.

Iscriviti al Canale Telegram di Cercalavoro.it

lascia un commento


Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.