image

CFO: cosa significa, chi è, compiti e stipendio 

Il CFO (Chief Financial Officer) o Direttore Finanziario è il titolo conferito a colui che si occupa di gestire l’ambito finanziario e strategico di un’organizzazione.

É una posizione lavorativa dirigenziale e inferiore al più conosciuto CEO (Chief Executive Officer) o Amministratore Delegato

In questo approfondimento vedremo in dettaglio chi è il CFO e quali sono i suoi compiti, le mansioni e le responsabilità ma soprattutto ci concentreremo su quale percorso seguire per diventarlo. L’ultimo paragrafo è dedicato ai guadagni, che, come vedremo, sono molto più elevati rispetto lo stipendio medio guadagnato da un lavoratore.

Chi è il CFO, Chief Financial Officer

Ambire e raggiungere la carica di CFO significa occuparsi degli aspetti finanziari di un’azienda.

Generalmente la figura del Chief Financial Officer è presente in organizzazioni medio, grandi. 

Avere mansioni in ambito finanziario più in dettaglio vuol dire: monitorare e gestire i flussi di cassa – entrate e uscite, pianificare una strategia finalizzata a una corretta gestione delle finanze, nonché coordinare tutti coloro addetti alla gestione contabile e finanziaria

Il CFO svolge quindi un ruolo molto delicato. La figura ha il compito, ad esempio, di scongiurare crisi aziendali, di attuare politiche di riduzione dei costi, di occuparsi che l’azienda segua gli obiettivi prefissati in ambito economico-finanziario.

Ne consegue che la figura deve acquisire approfondite conoscenze in ambiti quali: 

  • Finanza
  • Contabilità 
  • Economia 
  • Gestione Aziendale 

Tutte queste responsabilità sono assegnate solo a profili qualificati e con esperienza. L’ottenimento di una tale posizione non è raggiunto subito dopo il conseguimento di una laurea o di un master

Come vedremo in dettaglio nei prossimi paragrafi, raggiungere la carica di CFO è possibile ma solo dopo aver scalato diverse posizioni aziendali e tendenzialmente maturato molti anni d’esperienza. 

CFO: compiti e mansioni

Poiché si tratta di un ruolo molto delicato anche i compiti e le mansioni lo sono. Come anticipato tutti i compiti del CFO gravitano attorno la pianificazione finanziaria. Ciò vuol dire occuparsi di aspetti quali: 

  • Monitoraggio dei flussi di cassa 
  • Gestione degli aspetti fiscali 
  • Applicazione delle politiche finanziaria 
  • Attività di rendicontazione 
  • Gestione del rischio 
  • Analisi dei punti di forza e di debolezza dell’azienda 
  • Attività di vigilanza 
  • Preparazione dei report finanziari 

Le suddette responsabilità implicano che la figura sia dotata di forte leadership, unite a capacità comunicative, organizzative e di delega. 

In particolare, il CFO non può fare a meno di circondarsi di persone competenti e fidate a cui assegnare la gestione di alcuni compiti. Per questo motivo la capacità di individuare e costruire un team di lavoro eterogeneo, preparato ed efficiente, è indispensabile per garantire il raggiungimento degli obiettivi. Non è raro che, in un’ottica di migliore gestione aziendale, il CFO si avvalga anche di figure quali i business coach o i digital coach

Così come tutte le professioni, anche quella del CFO si sta rapidamente evolvendo. Fino a una decade fa, i compiti e le mansioni si limitavano ad aspetti quali: gestione dei libri contabili, gestione del rischio, controllo qualità. 

Oggi la digitalizzazione e il progresso hanno di gran lunga aumentato i compiti di cui si può occupare un direttore finanziario. Un’idea dell’evoluzione del ruolo è contenuta in uno studio sulla figura del CFO condotto da Accenture

Dallo studio emergono nuovi strumenti e tecnologie utilizzate dai CFO. Ne sono un esempio le nuove tecnologie applicate per la raccolta dei dati, l’introduzione dell’innovazione in azienda e in generale l’adozione di politiche in un’ottica di digital transformation. 

Come diventare CFO 

Per diventare CFO bisogna sia scegliere un adeguato percorso di studi sia acquisire l’esperienza necessaria e indispensabile per inviare la propria candidatura. 

Si tratta di una posizione, infatti, alla quale è difficile accedere senza almeno 10 – 15 anni di esperienza in gestione aziendale. 

Conseguire un titolo di laurea e un master  

Una volta conseguita la maturità, il percorso classico prevede d’iscriversi all’Università. Conseguire una laurea in Economia e Commercio, o Economia e Finanza è sicuramente indicato ma possono andare bene anche lauree in Ingegneria Gestionale o Gestione d’impresa. 

Dopo aver conseguito una laurea (triennale e specialistica) perfezionare le proprie conoscenze frequentando almeno un master è una strada da considerare se si ambisce a diventare CFO di una grande e prestigiosa azienda. 

Così come per le Università non mancano possibili master in economia, finanza, gestione e strategia aziendale, sia in Italia sia all’estero. Alternativamente o in aggiunta si può pensare ad un master MBA (business administration). 

Conseguire certificazioni in contabilità 

A completare la formazione il consiglio è di conseguire anche una certificazione in contabilità. 

In particolare, molti CFO dispongono di una licenza CPA (Certified Public Accountant) e CMA (Certified Management Accountant). Entrambe le certificazioni permettono di diventare massimi esperti in gestione finanziaria. 

Prime esperienze lavorative 

In concomitanza con l’acquisizione dei certificati e delle competenze necessarie, è importante iniziare a lavorare iniziando così una carriera che necessariamente dovrà svilupparsi in maniera verticale. 

Le prime esperienze di lavoro ideali andrebbero ricercati in ruoli quali: responsabile del controllo di gestione, analista finanziario junior o analista di gestione del credito junior, responsabile della qualità, gestione degli archivi e della contabilità, e altri ruoli inerenti alla gestione aziendale che non richiedono 5, 10 o 15 anni di esperienza pregressa nel settore. 

Consultare offerte di lavoro per CFO 

Le possibilità per ricoprire la carica di CFO sono sostanzialmente due. O grazie alle promozioni oppure cambiando lavoro alla ricerca di offerte che assicurino una posizione sempre più elevata. 

Le offerte di lavoro per CFO non mancano, né in Italia né all’estero. Come anticipato la maggior parte degli annunci sono alla ricerca di profili con almeno 10 anni di esperienza come CEO, CFO, COO. Talvolta vengono valutate anche le esperienze maturate come Business Analyst. 

Si tratta di posizioni ben retribuite. Non mancano bonus e benefit. Ad esempio, è abbastanza frequente che una parte del compenso sia corrisposta in stock options

Altri requisiti del CFO 

Istruzione, certificati ed esperienze lavorative. Oltre a questi tre prerequisiti per diventare direttore finanziario sono necessarie altre imprescindibili qualità. Queste ultime è bene siano riportate sul curriculum in modo da iniziare a distinguersi. 

Leadership 

La prima abilità o soft skills di cui un CFO dev’essere necessariamente dotato è la leadership. Da queste figure ci si aspetta che siano in grado di coordinare e gestire i gruppi di lavoro, di selezionare i migliori profili, di prevenire l’insorgere di conflitti. 

Gestione del tempo 

La time management è ormai un’attitudine richiesta a tutti i lavoratori. Ancor di più a coloro che ambiscono a diventare CFO. 

Un direttore finanziario è responsabile di tutte le attività che coinvolgono l’area contabilità e ha il compito di accertarsi che ogni progetto venga svolto e portato a termine entro i tempi previsti

Esperto in tecnologie digitali

Infine, come anticipato, è importante che i CFO siano in grado di utilizzare le ultime tecnologie in ambito digitale. In particolare, l’utilizzo di software per l’analisi dei dati è ormai imprescindibile per la pianificazione di una strategia finanziaria efficace. 

CFO: stipendio 

Vediamo infine qual è lo stipendio e di conseguenza i possibili guadagni di un CFO. La retribuzione varia in primo luogo a seconda dell’organizzazione per la quale si lavora. Generalmente i grandi gruppi garantiscono maggiori guadagni.

Un secondo aspetto che influisce sono gli anni di esperienza e in ultimo è importante considerare in quale paese si lavora. Rispetto all’Italia ad esempio, un CFO negli Stati Uniti o in Svizzera guadagna di più. 

Ebbene, in Italia lo stipendio medio di un CFO è di circa 75.000 EUR annui. Il minimo è di circa 50.000 EUR il massimo è di circa 91.000 EUR. 

Verificando invece quanto guadagnato negli USA, lo stipendio minimo parte da 75.000 EUR. In media invece un CFO guadagna circa 160.000 EUR e circa un 10% dei direttori finanziari arrivano a guadagnare oltre 300.000 EUR annui. 

Iscriviti al Canale Telegram di Cercalavoro.it

lascia un commento


Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.