image

Guida alla Ricerca Attiva del Lavoro

Per ricerca attiva del lavoro si intendono tutte le pratiche che una persona alla ricerca di occupazione può mettere in pratica al fine di trovare il prima possibile un nuovo lavoro.

Come vedremo nel corso di questa breve guida alla ricerca attiva del lavoro, è possibile sia muoversi autonomamente sia essere aiutati da una figura esperta. In questo secondo caso, ci si può rivolgere ad un Operatore del Mercato del Lavoro.

L’OML è una figura che lavora presso i centri per l’impiego e ha il compito aiutare l’aspirante lavoratore a definire le proprie competenze offrendo altresì un servizio di ricerca del lavoro.

Cos’è la ricerca attiva del lavoro

La ricerca attiva del lavoro è già di per sé un lavoro. Può essere definita come un processo da svolgere autonomamente o con un professionista qualificato volto ad individuare aspetti quali:

  • competenze;
  • aspirazioni;
  • opportunità di lavoro.

Si tratta, in altre parole, di compiere un lavoro di ricerca qualitativo utilizzando vari strumenti e canali che permettono di entrare in contatto con aziende e organizzazioni quanto più realisticamente interessate al profilo del candidato.

È grazie a tali processi e strumenti che il candidato riesce in tempi brevi a trovare un primo lavoro o un nuovo posto di lavoro.

La ricerca attiva del lavoro è pensata per tutti gli aspiranti lavoratori. In particolare, le Università sono solite informare gli studenti in procinto di laurearsi riguardo le metodologie da attuare per trovare rapidamente occupazione. Ad esempio, l’Università degli Studi dell’Insubria ha realizzato un’interessante Guida per la ricerca attiva del lavoro.

Promuovere la ricerca attiva del lavoro si contrappone ad un comportamento passivo, erroneamente adottato da molti lavoratori, i quali non sono disposti o non sono a conoscenza di tutti gli strumenti esistenti e pensati per la ricerca del lavoro. In questo caso, si attua una ricerca passiva del lavoro, la quale comporta esclusivamente azioni quali:

  • ricerca degli annunci online;
  • invio del curriculum
  • quando in realtà si potrebbero utilizzare numerosi altri strumenti.

Come fare la ricerca attiva del lavoro

Come anticipato la ricerca attiva del lavoro può essere condotta rivolgendosi ad un Operatore del Mercato del Lavoro, delle figure preposte presso i Centri per l’Impiego, oppure in autonomia. Rivolgersi ad un OML, significa ricevere un servizio molto utile che permette di massimizzare le possibilità di trovare lavoro. In particolare, la figura si occupa di:

Inquadrare il profilo del candidato

Mediante un primo colloquio conoscitivo, l’OML chiede all’aspirante lavoratore informazioni quali: formazione, esperienze, conoscenze. Tali informazioni serviranno poi redigere un primo curriculum e una lettera di presentazione.

Guida alla stesura del curriculum

Successivamente si passa alla stesura del curriculum vero e propria. L’OML esporrà i punti principali da mettere in evidenza, e tutte le regole da seguire per realizzare un curriculum efficace. Si eviterà così di commettere errori che potrebbero compromettere la selezione.

Passioni e interessi

La ricerca attiva del lavoro implica altresì che il nuovo lavoro venga scelto sulla base delle proprie ambizioni. In altre parole, l’obiettivo non è trovare un lavoro qualsiasi ma un lavoro che davvero possa esaltare i punti di forza del candidato e che possa rappresentare una vera opportunità per intraprendere una carriera lavorativa di successo.

Attività di ricerca e invio del curriculum

Infine, vi è l’attività di ricerca del lavoro vera e propria. L’aiuto dell’operatore può essere determinante al fine di evitare di imbattersi in annunci di lavoro falsi o poco affidabili.

Una volta individuato le posizioni di lavoro aperte non resta che inviare il curriculum e prepararsi al colloquio di lavoro.

Ricerca attiva del lavoro: quali canali utilizzare

Indipendentemente da come si decide di condurre la ricerca attiva del lavoro, l’importante è evitare di limitarsi al solo invio del Cv in maniera distratta e confusionaria.

I canali per cercare lavoro oggi sono molteplici. Ad esempio, molti annunci di lavoro non sono presenti nei portali dedicati ma direttamente all’interno dei siti web ufficiali delle aziende, nella sezione Career.
È bene altresì non sottovalutare strumenti quali il passaparola e di conseguenza i contatti e le relazioni sviluppate negli anni con colleghi e amici.

Inoltre, il consiglio è di seguire attentamente eventi quali: career day, convegni e seminari dedicati al tema lavoro. Allo stesso modo, sebbene Internet sia una fonte inesauribile di annunci, consultare anche le riviste cartacee può essere uno strumento il più da utilizzare.

E infine, coloro interessati ai Concorsi Pubblici è bene possono visitare periodicamente le informazioni riportate dai portali delle Regioni e dalla Gazzetta Ufficiale.

Iscriviti al Canale Telegram di Cercalavoro.it

lascia un commento


Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.