image

Cos’è Upwork e come funziona

In sostanza Upwork, è una piattaforma simile a Fiverr sviluppata per mettere in contatto aziende con lavoratori freelance o liberi professionisti. Questi ultimi possono proporre i loro servizi e lavorare ovunque si trovino.

Può essere un’ottima soluzione per intraprendere una carriera da nomade digitale, oppure semplicemente per lavorare in proprio.

Sebbene Upwork si sia fortemente espansa da quando lo smartwork è divenuto una realtà, esiste dal 1999. Allora si chiamava Elance. Poi nel 2003 oDesk e solo nel 2015 ha preso il nome di Upwork.

Il marketplace ha sede legale negli Stati Uniti. Sono presenti studi a Mountain View e San Francisco.
Ad oggi conta oltre 500 dipendenti. È considerata la più grande piattaforma per il lavoro da remoto al mondo. Il fatturato è in costante crescita come confermato dai dati rilevati da macrotrends.

Come funziona Upwork

Al fine di utilizzare e guadagnare con Upwork servono diverse abilità. Sicuramente bisogna essere in grado di svolgere un servizio da remoto, possibilmente molto richiesto, ma è necessario altresì avere buone conoscenze informatiche, della lingua inglese e ottime capacità comunicative.

Uno degli aspetti che caratterizzano il marketplace è che, al contrario d’altri, non basta creare un profilo. È necessario, infatti, inviare una vera e propria candidatura.

In altre parole, il team di Upwork non accetta chiunque, ma si riserva il diritto di valutare il curriculum (formazione, capacità ed esperienze) del candidato prima di inserirlo nella piattaforma.

Bisogna specificare che anche essere idonei può non essere sufficiente. La piattaforma, infatti, segue una politica mirata a mantenere in equilibrio il numero di venditori con il numero di acquirenti.

Tale aspetto è sicuramente un vantaggio per il freelance, il quale una volta dentro la piattaforma è in qualche modo tutelato.

Iniziare a lavorare con Upwork

I primi passi su Upwork sono molto semplici e alla portata di chiunque abbia almeno una volta preparato un curriculum in inglese.

Dopo aver cliccato su “registrati” è possibile entrare subito nella piattaforma collegando il proprio account Google o Apple.

Successivamente è richiesto di aggiungere le informazioni personali e completare almeno il 60% del profilo inserendo informazioni quali:

  • Titolo di studio
  • Esperienza passata
  • Conoscenza delle lingue
  • Tariffa oraria
  • Descrizione di sé
  • Foto profilo.

Completate le informazioni, non resta che inviare la proposta e attendere il responso del team della piattaforma che può accogliere o rifiutare la propria candidatura.

Quanto costa Upwork

Dopo aver completato il profilo si hanno a disposizione due piani d’abbonamento tra i quali scegliere: Basic o Plus.

Basic

Il piano Basic è gratuito. Tuttavia, bisogna sostenere una spesa di 0.15 USD ogni qual volta si entra in contatto con un cliente.

Si entra in contatto con un cliente ogni qual volta si invia una proposta. Possono essere inviate fino a 140 proposta al mese. Mentre se è il cliente a contattare il freelance, allora non bisogna sostenere alcuna spesa.

Plus

Il piano plus ha un costo di 49,99 USD al mese. I benefici sono diversi e permettono a chi è appena approdato su Upwork di farsi conoscere rapidamente. Tra questi:

  • Sono incluse 70 richieste di connessione
  • È possibile visualizzare l’offerta presentata dai concorrenti
  • È possibile personalizzare l’URL.

Come guadagnare con Upwork

Far crescere la propria attività da freelance su Upwork non è impossibile ma richiede un certo impegno.

Nozioni generali di personal branding ed essersi già occupati di ottimizzare il proprio profilo LinkedIn e altre pagine social, può sicuramente aiutare. Vediamo quali altri attenzioni possono portare al successo:

Essere presenti

Upwork premia i profili presenti. Questo significa dover dedicare ogni giorno un po’ di tempo alla ricerca di nuove attività da svolgere e inviare proposte (connects). I profili attivi risultano meglio indicizzati dal motore interno alla piattaforma.

Curare il profilo

Come evidenziato, curare il proprio profilo è determinante. Bisogna riuscire a mettere in mostra le proprie abilità e competenze, curare i dettagli e la grafica. Un profilo curato è il primo passo per ricevere importanti badge quali: Top Rated o Rising Talent.

Spirito imprenditoriale

Il freelance di successo è colui in grado di adattarsi rapidamente ai cambiamenti.

È fondamentale riuscire ad intercettare rapidamente le nuove esigenze proponendo servizi in linea con i tempi che corrono. Proporsi come esperto di una particolare nicchia può essere la strada giusta da intraprendere.

Curare il cliente

Il cliente ha sempre ragione anche online. Prendersi cura del cliente, dimostrarsi realmente interessato alle sue necessità, aggiungere valore alla proposta ricevuta, sono tutti aspetti che aiutano all’acquisizione dei primi contatti.

Essere professionale

Strettamente collegato ai punti precedenti. È importante trasmettere professionalità. L’immagine del profilo deve essere di qualità e curata in ogni aspetto. I testi chiari e persuasivi, la comunicazione fluida e un portfolio d’impatto, sono altre attenzioni che influiscono positivamente sui guadagni.

Quale lavoro fare su Upwork

Lavorare come freelance su Upwork può essere estremamente remunerativo. Ovviamente molto dipende dalle proprie capacità e dal tipo di servizio offerto. Acquisire le giuste competenze però può essere determinante. Molti freelance riescono a guadagnare oltre 90.000 USD grazie ad Upwork. I lavori più richiesti sono:

  • Consulenti di gestione aziendale;
  • Esperti di diritto tributario e internazionale;
  • Sviluppatori e consulenti di deep learning;
  • Data engineer

Mentre meno remunerative ma comunque richiesti risultano gli esperti in marketing, esperti in sviluppo E-commerce, sviluppatori iOS e Android.

Upwork: pagamenti

Per quanto riguarda i pagamenti, la piattaforma trattiene il 20% fino al raggiungimento di un guadagno complessivo di 500 USD. Il 10% per guadagni dai 500 USD fino a 10.000 USD e il 5% sopra i 10.000 USD.

Ne consegue che il guadagno netto è superiore man mano che si riesce a ottenere più clienti.
Esistono due tipologie di pagamenti.

Pagamento orario

Il freelance può impostare la propria tariffa oraria. Questa può a sua volta essere negoziata in fase di definizione del lavoro.

Prezzo fisso

Diversamente può essere presentata un’offerta a prezzo fisso per svolgere un intero lavoro. Allo stesso modo può essere stabilito un prezzo per il raggiungimento di un determinato obiettivo (pietra miliare).

Upwork pro e contro

Vediamo infine quali possono essere i pro e i contro di lavorare con Upwork in modo da avere una panoramica il quanto più esaustiva possibile.

Tra le opinioni raccolte sul web, non mancano pareri entusiasti e favorevoli, ma ci sono anche alcune criticità.

Tra i pro, sicuramente si annovera la gestione dei pagamenti. I freelance, infatti, apprezzano la possibilità di stabilire una tariffa oraria o un prezzo definito per ogni progetto.

A questa possibilità si unisce la protezione sui pagamenti garantiti da Upwork. I clienti prima di commissionare un lavoro, devono depositare i fondi alla piattaforma come garanzia.

Tra i vantaggi, inoltre, si segnalano aspetti quali:

  • La possibilità di lavorare con clienti all’estero;
  • Il vedersi riconosciuti i progressi
  • La stabilità della piattaforma.

Come anticipato non mancano alcuni svantaggi. Alcuni utenti segnalano di essersi imbattuti in clienti difficili. Un po’ per le barriere linguistiche un po’ perché non hanno ricevuto informazioni chiare e definite sul progetto.

Alcune lamentele riguardano altresì la competizione al ribasso. Alcuni lavori, soprattutto i più diffusi, tendono ad essere mal pagati.

Infine, potrebbe esserci il rischio di imbattersi in alcuni truffatori, per altro presenti in ogni piattaforma, che potrebbero richiedere di condividere dati personali o altre informazioni sensibili. Quest’ultimo aspetto richiede un’attenzione particolare onde evitare d’incorrere in spiacevoli episodi.

Iscriviti al Canale Telegram di Cercalavoro.it

lascia un commento


Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.