image

Crescita personale: cos’è, da dove iniziare e quale percorso fare

La crescita e lo sviluppo personale sono dei processi grazie ai quali una persona riesce a esprimere appieno il proprio potenziale. Si tratta di un percorso continuo, determinante per raggiungere la piena maturità, la soddisfazione personale, il successo e la felicità.

Come vedremo oggi, dietro il successo di una persona vi è sempre un duro lavoro volto alla crescita personale e apparirà, nel corso dell’articolo, evidente a tutti come anche chi ormai è all’apice della propria carriera continui a spingersi oltre la propria zona di comfort.

In questo articolo, vedremo cos’è e cosa si intende per crescita personale, vedremo quali sono i percorsi da intraprendere e come migliorarsi.

Crescita personale: cos’è

Il primo aspetto da evidenziare è che la crescita personale può significare e intendere cose diverse a seconda della persona. In generale può essere definita come l’insieme di pratiche che portano all’auto miglioramento.

In altre parole, la crescita personale implica tutta una serie di azioni che portano al miglioramento delle proprie abilità, delle competenze, delle conoscenze e delle qualità morali e personali. Tutte azioni che in ultimo permettono di raggiungere gli obiettivi di vita personali e professionali.

Quando il proprio impegno è rivolto al miglioramento di un qualcosa allora si sta perseguendo una crescita personale.

Ricerche e studi sul tema non mancano. Al fine di fornire una definizione quanto più esaustiva possibile, è utile riportare quanto contenuto nel paper: “What is Self-Growth?”.

La crescita personale si scopre coinvolgere aspetti quali: l’autodeterminazione, l’autorealizzazione e l’auto crescita. Pertanto, la definizione può essere anche: il desiderio di diventare una versione migliore di sé stessi. Il processo dura per tutta la vita e si avvale di tecniche ben precise.

Osservando il tema dal punto di vista storico, si scopre che l’idea di crescita personale risale al IV secolo a.C. In particolare, si fa riferimento al concetto di benessere edonico introdotto da Aristotele. Tale forma di benessere include tutte le esperienze piacevoli e le relazioni positive che un individuo prova nel corso della propria esistenza.

Come iniziare un percorso di crescita personale

È la volontà la prima grande spinta che bisognerebbe avere per intraprendere un percorso di crescita personale. La volontà dovrebbe essere spinta dalla consapevolezza che, come tutti, si è imperfetti e praticamente ogni aspetto della propria vita potrebbe essere migliorato.

Dopo aver raggiunto la suddetta consapevolezza, il secondo passaggio consiste nell’individuare quale aspetto della propria vita si vuole migliore. Come visto possono essere molteplici gli ambiti: la propria personalità, la carriera lavorativa, abilità specifiche. È in questo contesto che avere ben in mente i propri punti di forza e di debolezza aiuta a definire verso quali ambiti direzionare il proprio percorso di crescita personale.

Al fine di inquadrare il percorso di crescita personale da intraprendere, porsi alcune domande potrebbe risultare estremamente utile. In particolare, chiedersi:

  • Quali cose ritengo non vadano bene nella mia vita?
  • Cosa non mi piace fare?
  • Cosa mi dà la forza di alzarmi ogni mattina?
  • Quali sono i miei punti di forza?
  • Quali sono le critiche che ricevo più spesso?
  • Senza cosa non potrei vivere?
  • Di cosa ho paura?

Miglioramento personale: 10 modi per raggiungerlo

Ora che si ha una prima panoramica, si può iniziare a lavorare al percorso vero e proprio di sviluppo personale. Preliminarmente, si evidenzia che la chiave è riuscire a crearsi delle situazioni che facilitino l’esplorazione di sé stessi.

Indipendentemente da come lo si intenda: crescita personale, autorealizzazione, sviluppo personale. La questione è riuscire a far emergere il proprio talento e personalità, riuscendo a raggiungere il livello desiderato sia questo: mentale, spirituale, intellettuale o fisico.

Vediamo alcuni esempi di situazioni che agevolano la crescita personale:

Conoscere sé stessi

Come anticipato, un percorso di crescita e sviluppo personale può iniziare solo conoscendo profondamente sé stessi. È importante aver ben chiaro il modo in cui si intende la vita, le relazioni con gli altri, cosa provoca emozioni e cosa inquietudine. Se non si ha tale consapevolezza risulta difficile individuare su quali punti iniziare a lavorare.

Circondarsi di relazioni sane

Non è un mistero che l’ambiente circostante abbia un ruolo rilevante per la crescita personale. Ambienti dinamici e stimolanti, circondarsi di persone ambiziose, empatiche, positive e proattive sono aspetti che favoriscono lo sviluppo. Il miglioramento personale passa dunque anche attraverso ciò che ci circonda.

Allontanarsi dagli ambienti tossici

Bisogna riuscire coltivare relazioni sane e allontanare tutte quelle non portano ad uno sviluppo e ad una crescita. In particolare, amici e colleghi invidiosi, persone che non credono in te, situazioni lavorative stagnanti, ambienti confusionari e caotici.

I punti due e tre mettono in evidenza un importante aspetto. Ciò che ci circonda, l’ambiente e le persone, è determinante per intraprendere un proficuo percorso di sviluppo personale.

Essere grati per le piccole cose

A volte accadono cose straordinarie a cui non diamo importanza. Un grazie ricevuto da un collega o da un amico, un tramonto o un arcobaleno spuntato così, all’improvviso. Sono solo alcuni esempi per evidenziare che crescita personale vuol dire anche equilibrio. Non dovremmo lasciarci scoraggiare da piccoli imprevisti quotidiani che infondo capitano a tutti. Non è sano convincersi di essere vittima di chissà quale congiura. Come non dovremmo lasciar scorrere le piccole cose, anch’esse importanti e spesso portatrici di profondi messaggi di crescita.

Trovare un punto di riferimento

Un life coach o un mentore, ad esempio, sono figure che possono realmente aiutare giovani e lavoratori a raggiungere gli obiettivi, ad inquadrare e mettere a fuoco le problematiche. A volte, bisogna rendersi conto che la crescita personale necessita di un aiuto esterno. Esistono oggi figure professionali in grado di accelerare i processi di sviluppo, permettendo a chiunque di comprendere meglio sé stessi e ciò che li circonda.

Non paragonarsi

È giusto avere dei punti di riferimento nella propria vita. Questi possono essere anche personaggi pubblici, influencer, attori, calciatori. Non c’è niente di male nell’ambire a diventare un personaggio famoso o condividere e perché no invidiare lo stile di vita di un personaggio da copertina.

Tuttavia, è bene essere consapevoli che la vita pubblicata dalle celebrità sui social non è la vita reale. Anche i personaggi più affermati hanno i loro momenti di tristezza, le loro difficoltà, i loro screzi e problemi in famiglia.

Incontrare nuove persone

La crescita personale si verifica quando si è disposti ad uscire dalla propria zona di comfort. Per riuscire in ciò è necessario essere pronti ad incontrare nuove persone, a visitare nuovi posti e ad accettare il verificarsi di nuove situazioni. Impegnarsi nel conoscere nuove persone, in particolare, permette di allargare i propri orizzonti, di crescere appunto e perché no, di aprirsi a nuove opportunità.

Incontrare, parlare e socializzare con nuove persone dovrebbe diventare quasi una missione da provare a portare a termine ogni qual volta se ne presenta l’occasione: ad un a festa, in palestra, in spiaggia o al parco.

Staccare i dispositivi

Dedicare alcuni momenti della propria giornata completamente scollegati da Internet è benefico. Permette di dedicarsi ad altre cose: leggere un libro, ad esempio, rimettere in ordine casa, praticare un po’ di sport. Tutti noi oggi siamo troppo legati a smartphone e Pc, questi sin dalla mattina accompagnano la nostra giornata e potrebbero essere un freno alla propria crescita personale.

Dedicarsi al volontariato e agli hobbies

Come evidenziato, la ricerca di nuove occasioni e di nuovi modi di trascorrere la giornata è un ottimo modo per intraprendere un proficuo percorso di crescita e sviluppo personale. Non c’è niente di meglio che dedicarsi ad attività che possano gratificare la propria persona, magari riprendendo un hobby abbandonato per mancanza di tempo anni fa, oppure, perché non pensare al volontariato?

Rendere felice il prossimo

Strettamente collegato alle attività di volontariato, rendere felice il prossimo è uno dei modi più efficaci per crescere. Non importa se il prossimo sia un proprio parente, un collega, una persona in difficoltà. L’importante è che il gesto sia spontaneo. Vedere l’altro apprezzare il proprio gesto e percepire un senso di riconoscenza nei propri confronti avrà un impatto sulla crescita personale.

Crescita personale: perché è importante

Intraprendere un percorso di crescita personale richiede impegno, volontà e la consapevolezza che chiunque può sempre migliorarsi anche se ormai ha raggiunto un buon livello di soddisfazione personale, anche se percepisce uno stipendio appagante, anche se è soddisfatto delle proprie relazioni e affetti.

I vantaggi derivanti da un percorso di crescita e sviluppo personale sono molti, vediamo i 10 più importanti.

Relazioni sane e durature

Impegnarsi per il benessere di sé stessi e degli altri aiuta a instaurare rapporti migliori con le persone che si hanno intorno. Aiutare l’altro e trasmettere energie positive si trasmette sui propri figli, sul proprio compagno/a, sui colleghi di lavoro. Non è un mistero che relazioni di bassa qualità difficilmente portano ad una vita di alta qualità. Come visto in precedenza, le relazioni sane e positive costituiscono una base fondamentale.

Meno stress

L’attuale periodo storico sta mettendo a dura prova le persone. Crisi sanitarie, crisi economiche e profondi cambiamenti portati dall’era digitale. Vivere un periodo di smarrimento, sensazioni di stress e incertezza è normale in molti di noi. Pertanto, provare ad intraprendere un percorso di crescita personale può aiutare a superare un periodo difficile, rendendo anche la vita degli altri migliore.

Migliore salute in generale

Meno stress porta ad un miglior livello di salute generale. Bisogna tener presente che i migliori percorsi di crescita personale soprattutto quando seguiti da un coach professionista agiscono su diversi punti della persona. Ad esempio, uno stile di vita più sano, dormire regolarmente, beneficiare di migliori relazioni sono tutti aspetti che si trasmettono direttamente sulla salute.

Migliore produttività

La crescita personale è una direzione intrapresa anche per motivi di lavoro. Le aziende sono solite richiedere il rispetto di alcune prestazioni e il percorso può aiutare ad aumentare altresì la produttività sul lavoro. In questo caso i vantaggi sono evidenti: si potrebbe fare carriera più velocemente, accedere ad alcuni bonus e benefit aziendali, ottenere riconoscimenti inaspettati.

Sviluppo delle abilità trasversali

Più volte noi di Cercalavoro.it abbiamo evidenziato l’importanza delle abilità trasversali o soft skills. Queste completano il profilo di un lavoratore e risultano competenze sempre più richieste dalle aziende. I percorsi di crescita personale permettono altresì di aumentare la confidenza con le soft skills, aiutando ad aumentare aspetti quali: l’empatia, l’autocontrollo, la capacità di lavorare sotto stress, la leadership.

Crescita personale, significa, infatti, anche riuscire a sviluppare tratti della personalità ancora inespressi o nascosti che nei fatti possono portare benefici tangibili nella vita di tutti i giorni come nella vita lavorativa.

Raggiungere il successo

La strada per il successo è lunga, tortuosa, piena di ostacoli e di imprevisti. Chiaramente il successo è molto personale, per qualcuno vuol dire trovare un lavoro d’ufficio, per qualcun altro può voler dire lavorare all’aria aperta, per altri lavorare in una grande e dinamica metropoli. Indipendentemente da ciò, il successo non si verifica per caso, ma avviene solo quando il percorso di crescita personale è stato intrapreso nella direzione giusta.

Maggiore resilienza

La capacità di adattarsi ai cambiamenti, di riprendersi in tempi rapidi da eventi negativi. Sviluppare la resilienza è oggi imprescindibile. La vita ogni giorno pone sfide e ostacoli che per essere affrontati hanno bisogno di equilibrio psicologico ed emotivo.

Più felici

E infine, può la crescita personale portare alla felicità? Raggiungere la felicità è forse l’ambizione di chiunque intraprende un percorso di auto sviluppo personale.

Sicuramente coloro che riescono in un percorso di crescita personale godono di ottime relazioni personali, di ottime capacità di autocontrollo e affrontano le sfide con coraggio senza lasciare che lo stress e l’ansia prendano il sopravvento.

Crescita personale e lavoro

Concludiamo l’approfondimento sulla crescita e sullo sviluppo personale focalizzandoci sui vantaggi e sulle implicazioni che il percorso ha sulla vita dei lavoratori. La crescita personale nelle diverse fasi della carriera lavorativa è stata analizzata in un recente studio dal titolo: “The experience of personal growth in different career stages: An exploratory study”.

Lo studio che ha analizzato la situazione lavorativa di 29 impiegati nel settore dell’assistenza all’infanzia mette in evidenza come superare le sfide sia uno degli aspetti che più influiscono sulla crescita personale di un individuo.
Le sfide che si presentano nella carriera di un lavoratore possono essere varie e cambiano sia a seconda del lavoro svolto sia a seconda dell’età del lavoratore.

La ricerca evidenzia che la tendenza dei lavoratori è quella di: considerare il lavoro molto impegnativo all’inizio, concentrarsi su tematiche quali i conflitti sociali nel mezzo della carriera, e solo verso la fine della carriera il lavoratore riesce correttamente ad affrontare gli ostacoli e le sfide. Pertanto, lo studio in questione evidenzia un importante aspetto: a seconda dell’età del lavoratore i percorsi di crescita professionale andrebbero impostati diversamente.

L’introduzione dello studio evidenzia sin da subito un doppio aspetto del lavoro, definendolo un’arma a doppio taglio. Da un lato è fonte di disagio e stress, dell’altro però può essere anche il mezzo grazie al quale raggiungere il benessere personale. Ciò pone l’accento su un ulteriore aspetto: è importante che le organizzazioni stesse adottino programmi volti a promuovere la crescita dei propri dipendenti così da disporre di personale realizzato, in salute e di conseguenza più produttivo.

Dalle analisi e dai dati raccolti dallo studio, la cui metodologia è ben approfondita nel testo citato, si evince che i lavoratori considerino la crescita personale con un processo presente e continuo durante tutta la carriera. In particolare, si tratta di un percorso che coinvolge vari aspetti: sviluppo personale, cognitivo e sociale. La crescita si realizza quando il lavoratore è in grado di rispondere e di far fronte agli impegni e alle sfide.

Tra gli intervistati, tuttavia, sono emerse alcune differenze. Se da un lavo alcuni lavoratori hanno dichiarato di essere stati sempre coinvolti in sfide e lavori che hanno favorito la crescita personale, altri invece hanno notato il processo discontinuo. In altre parole, questi ultimi per alcuni periodi di tempo hanno dichiarato di non aver beneficiato di alcuno sviluppo delle proprie abilità, capacità, competenze hard e soft.

In conclusione, la ricerca in questione ha contribuito ad aumentare la letteratura presente sul tema. I risultati raccolti hanno evidenziato alcune differenze tra i professionisti intervistati. Ciò che al contrario risulta confermato è che la crescita personale sembra essere un’esigenza provata soprattutto dai lavoratori senior, i quali sono gli stessi che hanno la tendenza ad accettare sfide complesse e nuove opportunità.

Nonostante lo studio condotto sia stato specifico per una categoria di lavoratori, evincono alcuni aspetti che possono essere validi per tutti. In particolare, è importante che le organizzazioni facilitino i percorsi di crescita personale tra i propri dipendenti, soprattutto che si focalizzino sui giovani, i quali, ad inizio carriera hanno meno consapevolezza e volontà di accettare nuove sfide, poiché per questi ultimi quel che stanno svolgendo rappresenta già una sfida difficile.

Si tratta dunque di promuovere un atteggiamento volto ad accettare le sfide, che porti ad uscire dalla zona di comfort. Queste dovrebbero, in definitiva essere viste come un’opportunità per imparare e crescere invece che rappresentare una fonte di stress.

Iscriviti al Canale Telegram di Cercalavoro.it

lascia un commento


Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.