image

Agenzie interinali e ora agenzie per il lavoro: cosa sono e cosa fanno

Agenzie interinali è il nome che veniva dato agli enti privati preposti a favorire l’inserimento lavorativo delle risorse umane.

In Italia, fino al 2003 è esistita la forma del lavoro interinale, poi abrogata.

Da quel momento, le agenzie interinali, prendono il nome di agenzie per il lavoro (ApL), ancora oggi attive.

Chi ha introdotto le agenzie per il lavoro?

Con il “pacchetto Treu” nel 1997 viene introdotto il lavoro interinale e nascono le agenzie interinali.

La funzione principale è inserire le risorse nel mondo del lavoro.

Nel dopoguerra, il sistema di collocamento nel mercato del lavoro era gestito esclusivamente dallo Stato.

In particolare, la legge 29 aprile 1949, n. 264, vietava ogni esercizio della mediazione tra la domanda e l’offerta di lavoro, anche a scopo gratuito.

Una delle prime questioni che portarono all’introduzione del “pacchetto Treu” fu il fatto che il monopolio statale in questo campo risultava in contrasto con alcuni articoli del Trattato della Comunità Europea. La posizione assunta dallo Stato italiano risultava illegittima in quanto poneva un limite all’esercizio della libera concorrenza.

Iniziano così a diffondersi le prime agenzie per il lavoro gestite da privati.

Nel 1993 Hollomon, un imprenditore di origini statunitensi apre a Marghera la prima agenzia interinale.

Si specifica che in quell’anno non è ancora stato introdotto il lavoro interinale.

L’agenzia si occupava solo di mettere in contatto chi era alla ricerca di un lavoro e chi necessitava di lavoratori.

Nel 2003 la legge Biagi sostituisce il lavoro interinale con la somministrazione di lavoro e le agenzie interinali cambiano nome in Agenzie per il Lavoro.

Cosa sono le ApL (Agenzie per il Lavoro)

ApL è l’abbreviazione di Agenzia per il Lavoro.

Sono enti privati che svolgono il servizio di mediare tra offerte e domande di lavoro e sono riconosciute dallo Stato.

Per aprire un’agenzia per il lavoro è necessario avere l’autorizzazione da parte dell’ANPAL (l’Agenzia Nazionale per le Politiche Attive del Lavoro) e iscriversi ad una specifica sezione dell’albo.

CI sono diverse tipologie di agenzie per il lavoro e in base a questo svolgono diversi ruoli. Ad esempio:

Agenzie di somministrazione di tipo generalista

Si occupano di attività di ricerca, supporto e ricollocazione delle risorse, sono il tipo di agenzie alle quali rivolgersi quando si è alla ricerca di lavoro o si desidera cambiare lavoro.

Agenzie di somministrazione di tipo specialista

Sono specifiche per la somministrazione di lavori a tempo indeterminato. Svolgono in tutto e per tutto funzioni simili alla precedente.

Agenzie di ricerca e selezione del personale

Il compito di queste agenzie è selezionare il personale e proporlo alle aziende. Svolgono attività di ricerca e garantiscono alle aziende sono profili già qualificate per le mansioni richieste.

Che cosa fanno le agenzie per il lavoro

Le agenzie per il lavoro intercettano le richieste delle aziende e valutano i curricula delle risorse umane per trovare i candidati migliori ai diversi ruoli.

I professionisti che lavorano presso queste agenzie sono specializzati nella ricerca e selezione di risorse umane per conto delle aziende che cercano personale.

Oltre al ruolo di mediatori, le agenzie per il lavoro possono anche occuparsi di alcuni aspetti burocratici al posto delle aziende o delle risorse umane.

Nello specifico, qualsiasi persona in età da lavoro può presentare il proprio curriculum vitae all’agenzia per il lavoro.

L’agenzia si occuperà anche di chiedere al candidato altre informazioni utili a collocarlo nel ruolo che meglio si adatta al profilo professionale e alle sue aspettative.

Alcuni enti per il lavoro offrono corsi di formazione gratuiti e attività di supporto nella stesura di un curriculum e di una lettera di presentazione efficace.

Infine, un altro aspetto importante delle agenzie per il lavoro è la somministrazione di lavoro. Si tratta di una particolare tipologia di contratto flessibile.

Al contrario di un normale contratto di lavoro, la somministrazione vede coinvolti tre soggetti, ovvero il lavoratore, l’azienda e l’agenzia per il lavoro.

L’agenzia si fa carico di diversi aspetti secondo quanto normato dalla legge 15 giugno 2015, n. 81.

Iscriviti al Canale Telegram di Cercalavoro.it

lascia un commento


Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.