Lavorare o studiare all’estero? La guida completa

29 Ottobre 2019 0 Comments

Trasferirsi per motivi di lavoro o studio all’estero è un grande passo che richiede una pianificazione molto attenta. Trasferirsi in un altro paese può aiutare molto la tua crescita professionale e ti consente di imparare una nuova lingua e di capire come integrarsi in altri paesi e culture.

Il problema che spesso si incontra, è la scelta dello stato dove trasferirsi e di tutte le pratiche burocratiche che devono essere messe in atto per poter iniziare a lavorare nel paese scelto.

In questo articolo sono elencati tutti i migliori paesi (la lista è in continuo aggiornamento) dove puoi andare a lavorare.

In bocca al lupo per la tua scelta! Scrivi nei commenti come è andata!

Australia

L’Australia è la destinazione di moltissimi Italiani, l’isola è bellissima e il clima non è freddo come in Europa. I salari sono superiori a quelli offerti in Italia per gli stessi settori e la qualità della vista è superiore a moltissime città Europee.

Francia

La Francia e’ la seconda destinazione piu’ popolare e ha avuto nel 2018 un trasferimento di 12.870 persone. Le cose hanno iniziato a cambiare dato che il paese sta subendo le conseguenze della recessione. In Francia molte aziende globali hanno la propria sede e questo porta alla ricerca di professionisti qualificati nei vari settori.

Germania

La Germania e’ la destinazione più popolare per i cittadini Italiani, principalmente per la vicinanza e anche perche’ e’ all’interno dell’Unione Europea. Nel 2018 ha registrato circa 20.007 nuove iscrizioni all’AIRE. La Germania e’ lavorativamente molto importante per le istituzioni finanziarie, come la banca centrale europea, e per le tante opportunita’ lavorative che offre nei vari settori.

Gran Bretagna

Si prevede che in Inghilterra, a causa della Brexit, il paese avra’ una riduzione di professionisti che vogliono migrare, questo lo si nota anche dal ridotto numero di trasferimenti (circa 18.517 persone) nel paese. Sia per i professionisti che stanno cercando di evitare di essere colpiti dall’impatto della recessione prevista. L’economia inglese, nello specifico quella londinese, fino a pochi anni fa ha avuto una crescita molto forte, ora ha un grosso problema a causa della Brexit dove molte persone hanno scelto altri paesi come l’Irlanda. L’inghilterra può comunque essere un ottimo posto per trasferirsi all’estero per motivi professionali considerando che e’ molto vicina e che i voli sono molto frequenti e i costi molto bassi, grazie anche alle compagnie low cost e alla competizione del settore.

Trasferirsi per motivi lavorativi molto comune al giorno d’oggi, dove i confini sono minimizzati dalla libera circolazioni di persone all’interno dell’Unione Europea. Lavorare o studiare all’estero è una esperienza che almeno una volta nella vita dovrebbe essere provata, anche per solo pochi mesi.

A volte è difficile scegliere la giusta destinazione dato che devono essere considerati diversi fattori come il clima, le possibilità di sviluppo personale, le difficoltà di integrazione, le lavorative all’interno dello stato scelto e tanto altro.

Hai già deciso in quale paese trasferirti? Se si, facci sapere dove hai intenzione di trasferirti e per quale motivo nella sezione commenti sottostante.

Leave a Comment

Your email address will not be published.