image

Come usare il posizionamento competitivo per trovare lavoro

Il posizionamento competitivo rientra tra le numerose strategie di marketing presenti oggi finalizzate ad aumentare la visibilità e, di conseguenza, i volumi di vendita di prodotti o servizi. Si tratta dunque di un tema che dovrebbe interessare le aziende ma anche i lavoratori autonomi, i liberi professionisti, gli startupper e tutti coloro che gestiscono in proprio un’attività.

Tuttavia, anche ai lavoratori dipendenti, operanti nel settore del marketing, conoscenze in posizionamento competitivo sono basilari per svolgere al meglio le proprie mansioni.
Oggi vedremo una definizione di posizionamento competitivo, quali strategie sono comunemente utilizzate e cosa si intende per mappe di posizionamento competitivo.

Posizionamento competitivo: definizione

Per posizionamento competitivo si intendono tutte le azioni che un’organizzazione attua per cercare di acquisire più visibilità rispetto alla concorrenza. Si tratta di posizionarsi appunto più in alto: nella percezione delle persone come anche nei motori di ricerca online rispetto ad un’altra azienda.

Avere un vantaggio competitivo permette di attrarre più clienti, di acquisire una quota maggiore di mercato e in ultimo di aumentare la vendita dei prodotti o servizi.

Per posizionamento competitivo, inoltre, si sottintendono tutte quelle pratiche volte a differenziare un’attività rispetto ad un’altra, rendendo la prima facilmente identificabile sul mercato.

Analisi del posizionamento competitivo

Le aziende o i liberi professionisti che optano per un’analisi del posizionamento competitivo, semplificando, compiono un lavoro di ricerca volto ad ottenere informazioni quali:

Posizionamento sul mercato

Appositi professionisti del settore analizzano la grandezza del mercato, i concorrenti e i tassi di crescita dell’organizzazione nel tempo.

La tipologia del cliente

Ogni azienda dovrebbe sapere qual è la tipologia di cliente che si serve dei propri prodotti o servizi. Età, genere, capacità di spesa, posizione geografica e altri aspetti.

Analisi SWOT

Si tratta di analizzare i punti di forza e di debolezza dell’azienda, le opportunità ancora inesplorate e le potenziali minacce.

L’unicità

Il posizionamento competitivo è ottenuto anche e soprattutto quando si riesce a proporre un servizio chiaramente distinguibile e differente rispetto alla concorrenza. Pertanto, cosa rende l’organizzazione, la startup o anche la neonata attività imprenditoriale unica è un aspetto determinante.

Mappe di posizionamento competitivo

Le analisi, le ricerche e le azioni intraprese di posizionamento competitivo sono, come visto, molteplici. Al fine di tenere traccia dell’efficacia di tutte le strategie attuate, si è soliti tracciare una mappa e delle mappe di posizionamento competitivo.

Come riportato in una ricerca di Harvard Business Review, il fine ultimo di una mappa è quello di mostrare i vantaggi che l’azienda sta ottenendo mediante l’adozione delle strategie sopra riportate.

Le mappe di posizionamento competitivo hanno inoltre la caratteristica di essere specifiche e settorializzate per area geografica. In altre parole, dopo aver analizzato il mercato nel suo complesso, si è soliti studiare i clienti e la concorrenza presente per zone al fine di potere confrontare i risultati e comprendere eventuali divergenze nei volumi di vendita.

Un altro aspetto proprio delle mappe di posizionamento competitivo è l’analisi del prezzo. L’intero processo produttivo viene studiato, vengono esaminati i costi di produzione e rapportati con il prezzo del prodotto finale.

L’analisi poi viene confrontata con i prodotti proposti dalla concorrenza e in base ai risultati ottenuti si cerca di mettere in evidenza i perché di un prezzo finale più alto o più basso.

In ultimo, le mappe di posizionamento competitivo hanno altresì lo scopo di anticipare la concorrenza. Professionisti del settore, grazie ai dati raccolti, tracciano grafici volti a migliorare la capacità dell’azienda di comprendere prima di un’altra l’evoluzione del mercato. Si tratta, in altre parole di tracciare una mappa prezzo-beneficio che possa individuare eventuali segnali d’allarme ad esempio:

  • nuove tecnologie utilizzate dalla concorrenza che stanno causando una perdita di quote di mercato;
  • gli effetti di nuove strategie di comunicazione e marketing;
  • modifiche sostanziali del prezzo dei prodotti o servizi.

Un’azienda sempre più avrà bisogno di lavoratori in grado elaborare un complesso piano di posizionamento competitivo. Sono molte le figure che potrebbero specializzarsi in questa tipologia di lavoro, in particolare risultano determinanti competenze in campo economico, in comunicazione e marketing e in informatica.

L’azienda, in conclusione può dire di avere una posizione competitiva quando:

  • ha prezzi giudicati competitivi dai clienti;
  • il prodotto o servizio è migliore rispetto alla concorrenza;
  • l’azienda è distinguibile e riconosciuta sul mercato;
  • le quote di mercato sono in costante aumento negli anni.
Iscriviti al Canale Telegram di Cercalavoro.it

lascia un commento


Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.