image

Le reti informali in azienda: cosa sono e come si creano

Le reti informali, informal network in inglese, sono un aspetto ancora sottovalutato all’interno delle organizzazioni e dai lavoratori autonomi o liberi professionisti.

Come vedremo in questo articolo, l’instaurare una rete informale, o rete secondaria, ha un impatto rilevante: agevola la crescita delle aziende, espande le opportunità di business, aumenta le possibilità di fare carriera nei lavoratori e di raggiungere il successo.

L’importanza d’instaurare solide reti informali interessa dunque le aziende ma anche molteplici tipologie di lavoratori: dai manager, ai lavoratori autonomi, dagli imprenditori ai freelance.

Cosa sono le reti informali

Le reti informali rientrano tra le buone pratiche messe in atto per instaurare un proprio network di contatti diversificato.

Possono essere definite come tutti i contatti non ufficiali che un lavoratore instaura durante la propria carriera lavorativa.

Le reti informali sono costituite pertanto da una serie di persone con le quali si è avuto modo di entrare in contatto spontaneamente dentro e fuori dell’ambito lavorativo. Una rete informale può essere costituita, ad esempio da persone incontrate:

  • alla mensa aziendale
  • in vacanza
  • al bar
  • al circolo sportivo
  • alla fermata dell’autobus
  • a una festa

Si tratta quindi di una serie di conoscenze instaurate in contesti disparati, di persone con una cultura e un quotidiano anche distante dal proprio.

Ciò che caratterizza le reti informali è l’assenza di una gerarchia. Il rapporto instaurato è di tipo amichevole e ciò favorisce un’interazione più libera e sincera. Tutti questi aspetti definiscono le reti informali.

Reti formali e informali: le differenze

Le reti informali o secondarie, si differenziano dalle reti formali o primarie, in quanto, al contrario delle prime queste non hanno uno scopo o fine predeterminato.

Le reti formali, infatti, si caratterizzano perché instaurate con l’obiettivo di raggiungere un risultato comune.

Pensiamo al rapporto con i colleghi, con il team di lavoro o anche ai rapporti che si instaurano tra colleghi universitari. Le reti formali sono caratterizzate da un senso di appartenenza comune, da uno scambio d’informazioni preciso e limitato a uno specifico ambito professionale.

Al contrario le reti informali non seguono alcun tipo di regola. I rapporti instaurati sono liberi, per molti aspetti più sinceri e non focalizzati all’ottenimento di qualcosa, quanto più instaurati per il piacere di stare insieme, perché rappresentano una fonte d’ispirazione e di benessere.

Reti informali in azienda: importanza

Instaurare una serie di rapporti informali si rivela importante per il lavoratore, il quale può godere di rapporti più sinceri e senza doppi fini, tanto per le aziende le quali, allo stesso modo espandono le proprie relazioni e contatti, esplorando un mondo all’apparenza distante ma non per questo meno utile al progresso e all’innovazione.

Non a caso, già nel 1993, David Krackhardt e  Jeffrey R. Hanson in un articolo per HBR, evidenziarono l’importanza dello sviluppo delle reti informali, come strumento per svolgere in maniera più efficiente le attività, per risolvere problemi e imprevisti, per rendersi conto del pensiero e del comportamento delle persone al di fuori dei contatti formali aziendali.

I manager delle aziende, per tali motivi, sempre più si concentrano sull’importanza delle reti informali, cercando di agevolarne l’instaurazione tra i dipendenti sia considerandole sempre più come una risorsa di valore presente in azienda.

Allo stesso modo, liberi professionisti, lavoratori autonomi e imprenditori, sempre più focalizzano l’attenzione sulle reti informali, come strumento di personal branding per molti aspetti disinteressato se non per il fatto di essere finalizzato a una crescita personale e culturale.

Reti informali in azienda: la social technology

Lo sviluppo delle reti informali in azienda può essere agevolato mediante l’uso di diversi strumenti di social business.

Si tratta di agevolare le relazioni informali mediate servizi interni all’azienda di: micro blogging e messaggistica istantanea, la cui funzione è quella di creare collegamenti empatici e rafforzare le relazioni tra i colleghi dei vari reparti.

È bene considerare che non è sufficiente implementare servizi di social business interni all’azienda per riuscire a creare le reti informali. La tecnologia può solo aiutare a consolidare le relazioni già esistenti e formate. Tuttavia, può essere un utile strumento per agevolare le collaborazioni, la comunicazione e la pianificazione aziendale.

Iscriviti al Canale Telegram di Cercalavoro.it

lascia un commento


Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.