image

Master universitario: tutto quello che c’è da sapere

Iscriversi, frequentare e completare un Master universitario o non universitario è una scelta di molti giovani, i quali, desiderano aumentare le loro conoscenze, specializzarsi e migliorare le aspettative di carriera.

In un mercato del lavoro sempre più dinamico e competitivo, come vedremo, scegliere il miglior Master Universitario può essere una soluzione adeguata per una futura e brillante carriera lavorativa.

Oggi risponderemo a tutti i dubbi riguardo i Master universitari. Vedremo in dettaglio: cosa sono e il significato, il funzionamento, i regolamenti e se conseguire un Master effettivamente aumenti le possibilità di trovare lavoro.

Cos’è un Master

Un Master universitario è una qualifica accademica post-laurea. Tali corsi possono essere di I o di II livello e l’accesso all’uno o all’altro dipende dal titolo di laurea posseduto dallo studente.

I Master di primo livello possono essere frequentati da chiunque disponga di una laurea. I Master di secondo livello richiedono il possesso di un titolo di laurea specialistica.

Oltre alle suddette tipologie di master, esistono i cosiddetti Master non universitari. Questi, allo stesso modo, sono dei corsi di specializzazione, la cui organizzazione è promossa da enti diversi dalle Università, il cui accesso è, generalmente, libero e indipendente dal titolo di studio.

Di conseguenza una primaria definizione di Master implica di differenziare i Master universitari dai Master non universitari.

La durata di un Master universitario varia a seconda della materia e del paese. In generale, ogni corso ha una durata variabile da uno a tre anni.

Come funziona il Master universitario

I Master universitari, il cui scopo è professionalizzare il futuro lavoratore premettendogli di acquisire competenze specifiche e richieste dalle aziende, sono titoli di studi rilasciati delle Università Italiane.

Queste collaborano e stringono partnership con aziende ed enti (anche all’estero) permettendo agli studenti di frequentare tirocini, stage ed esperienze presso le suddette organizzazioni.

Il mimino di crediti da dover acquisire per l’ottenimento di un Master universitario è 60 così come stabilito dal sistema Europeo ECTS.

I Master universitari hanno un obiettivo ben preciso: agevolare i percorsi di inserimento nel mercato del lavoro. Come vedremo più avanti, ad oggi, effettivamente tali corsi permettono agli studenti di trovare più facilmente un posto di lavoro e anche le retribuzioni risultano superiori rispetto a lavoratori meno qualificati.

Per comprendere appieno il funzionamento di un master, come accennato, le persone interessate dovrebbero aver ben in mente le differenze tra i Master di tipo pubblico – tra cui rientrano anche i Master universitari – e i Master non universitari.

I primi sono effettivamente master, i secondi, sebbene siano impropriamente così chiamati, sono in realtà dei diplomi il cui valore e prestigio è, in generale, minore.

Un’altra distinzione importante riguarda i Master all’estero. Nel Regno Unito, ad esempio, i Master Degrees comprendono: Master of Science (per le materie scientifiche) e Master of Arts (per le materie umanistiche).

Regolamenti Master universitario

I regolamenti dei Master Universitari in Italia sono disciplinati dal Miur. Oltre le informazioni finora riportate si evidenziano ulteriori aspetti.

Le attività formative è previsto inizino ogni anno nel periodo compreso tra il 1° settembre il 30 novembre;

I corsi di Master devono rilasciare almeno 60 crediti formativi che equivalgono a 1.500 ore di corso.

Le lezioni previste sono: lezioni frontali, attività di laboratorio, seminari, attività di tirocinio, stages e conferenze. Tutte queste attività devono, nell’anno, essere pari ad almeno 360 ore.

I Master di primo e secondo livello sono deliberati dal Consiglio Accademico. La proposta proviene dalle scuole, dai dipartimenti o dai centri istituzionali.

Vi è un numero minimo di 15 e 10 partecipanti affinché un Master rispettivamente di primo e secondo livello si possa attivare.

Ogni Master Universitario prevede la presenza di uno o più tutor. Il compito di questi ultimi è offrire supporto e sostegno alla didattica oltre che coordinare i tirocini.

Per quanto concerne i requisiti di ammissione, oltre a quanto finora riportato, si evidenzia che in caso si abbia un titolo di studio conseguito all’estero è compito del Consiglio di Corso valutare il valore dello stesso.

Ogni Corso di Master Universitario deve obbligatoriamente specificare aspetti quali: obiettivo del corso, requisiti per l’accesso, numero di posti disponibili, costo del corso, eventuale presenza di agevolazioni o borse di studio.

Master Universitario all’estero

Frequentare un Master universitario all’estero ha il vantaggio di entrare in contatto con una cultura diversa, di perfezionare una nuova lingua e di poter disporre di un curriculum ancor più appetibile agli occhi di un selezionatore.

Le Università sono solite proporre Master universitari anche all’estero, stringendo collaborazioni con altre Università ed enti: nel Regno Unito, negli Stati Uniti, in Canada. Alternativamente si può fare domanda direttamente alle Università estere, le quali verificheranno il possesso dei requisiti.

Oltre il possesso di una laurea triennale o specialistica, per frequentare un Master all’estero è necessario avere una certificazione che attesti le proprie competenze linguistiche. In generale una certificazione IELTS Academic con punteggio superiore a 6.5 permette di soddisfare i requisiti.

Così come per i Master in Italia, un Master all’estero ha una durata che può arrivare fino a tre anni.

Chiaramente i costi risultano superiori, in quanto bisogna considerare tutte le spese che non si avrebbero restando in Italia.

Un Master all’estero, in Australia, in Nuova Zelanda o negli Stati Uniti può comportare un costo pari a 25.000 EUR annui a cui vanno aggiunti le spese di viaggio, di vitto e di alloggio.

Un Master universitario aiuta a trovare lavoro?

Un Master serve per trovare lavoro? Considerati i costi del corso e l’impegno richiesto da un Master è lecito chiedersi se effettivamente il corso permetta di trovare più facilmente lavoro e di guadagnare di più.

Secondo il rapporto di Almalaurea, l’86,6% dei ragazzi, ad un anno dal master, lavora con una tipologia di contratto di lavoro a tempo indeterminato.

La percentuale è considerevolmente più elevata rispetto coloro che sono in possesso di una laurea magistrale. In questo caso la percentuale dei lavoratori, sempre ad un anno dal conseguimento del titolo, è pari al 73%.

Alla luce di tali dati, si potrebbe pensare che, terminato il corso di laurea triennale sia preferibile optare per un Master di primo livello invece che iscriversi ad un corso di laurea specialistica.

Tuttavia, i costi di un Master di primo o di secondo livello sono più elevati rispetto ad un corso di laurea e anche le possibilità di ottenere una borsa di studio sono minori.

Passando allo stipendio, il report Almalaurea conferma che un Master permette, in media, di guadagnare di più. Lo stipendio medio mensile dopo un anno percepito da un lavoratore in possesso di un Master di primo livello è pari a 1.588 EUR e ben 1.817 EUR in caso di Master di secondo livello.

Mentre un laureato, dopo un anno di lavoro, ha uno stipendio di 1.153 euro.

Master non universitari

Quando un Master non è organizzato da un’Università, allora prende il nome di Master non universitario. Non valgono in questo caso le definizioni: primo e secondo livello. Inoltre, sono dei corsi non riconosciuti legalmente.

Quest’ultimo aspetto, tuttavia, non implica necessariamente che il corso non sia di qualità. Si tratta semplicemente di un metodo alternativo per acquisire competenze, ideale per coloro che sono in possesso di un diploma.

Frequentare un Master non universitario, soprattutto quando organizzato da un’azienda, permette comunque di avere buone possibilità di trovare lavoro, di arricchire il curriculum e di arricchire il proprio networking.

Infine, i Master non universitari non hanno un numero di ore minimo da rispettare, non devono rispettare le regole esposte nel capitolo precedente, i criteri di ammissione risultano meno stringenti e un numero consistente di Master non universitari si svolge direttamente online.

Iscriviti al Canale Telegram di Cercalavoro.it

lascia un commento


Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.