image

Lavorare come grafico 3D: formazione, carriera e stipendio

Con l’avanzare della tecnologie sono nate nuove figure professionali. 

Anche il settore della grafica ha riscosso dei forti cambiamenti per quanto riguarda le nuove professioni. 

Si deve pensare che la computer grafica digitale 3D è nata solamente negli anni sessanta, per cui la modellazione 3D , nata anni dopo, è una professione estremamente recente. 

Inizialmente questa veniva utilizzata esclusivamente a supporto della progettazione industriale, ma negli anni le forme e i modelli tridimensionali si sono rivelate molto utili, se non addirittura indispensabili in molti altri campi.

Chi è un grafico 3D?

Questa figura professionale crea grafiche 3D, tramite tramite l’utilizzo di specifici software che gli consentono di creare immagini a tre dimensioni. 

L’obiettivo finale di un grafico 3D è la produzione di immagini che diano la sensazione allo spettatore che siano parte della terza dimensione. Le modalità di svolgimento di questo lavoro cambiano a seconda della specialità del grafico. 

Per lavorare come grafico 3D di deve innanzitutto scegliere la specialistica che si vuole intraprendere. Ogni specializzazione prevede una determinata formazione e un’approfondita conoscenza di specifici software utili per svolgere il mestiere. 

Le specializzazioni possono essere in:

  • Cinema/TV/Grafica pubblicitaria;
  • Industrial design;
  • Applicazioni multimediali;
  • Videogames;
  • Architettura 3D;
  • Ingegneria.

Cosa fa un grafico 3D

Abbiamo capito che il focus del lavoro del grafico 3D è la creazione di forme tridimensionali nel mondo virtuale. 

Il grafico 3d inizialmente era suddiviso in altre tre micro competenze;

  • Modellatore 3D;
  • Animatore 3D;
  • Esperto di effetti speciali. 

Con il tempo queste tre figure si sono fuse in un’unica competenza in grado di gestire tutti questi aspetti della modellazione 3D. Vista la poliedricità di questa figura si verrà applicato il nominativo di 3D Artist

Il 3D artisti alla fine non è altro che il Grafico 3D. Ogno Grafico 3D usa i software appropriati per svolgere il proprio obiettivo, stando sempre all’interno del proprio ambito di specializzazione. 

Ogni specialistica prevede una specifica formazioni; per fortuna in Italia stanno aprendo molte scuole che insegnano i segreti della grafica 3D, è importante valutare l’istituto che si vuole prendere in considerazione, ma se si decide un percorso valido, ne sarà valsa la pena. 

Le quattro aree della grafica 3D

Quando un professionista esegue una grafica 3D deve mettere in pratica molteplici software in grado di creare delle immagini che diano un effetto tridimensionale. 

Alcune specializzazioni della computer grafica poi, a volte necessitano anche ‘utilizzo di di effetti speciali per completare le animazioni e la creazione degli effetti speciali. 

Bisogna anche valutare il fatto che inizialmente la computer grafica ha iniziato il suo percorso come uno strumento di analisi e simulazione applicato al settore delle scienze. 

Il concetto è comunque sempre lo stesso; avere la possibilità di creazione e riproduzione virtuale in 3D di un oggetto a livello matematico. 

Solamente con l’avanzare degli anni la computer grafica ha iniziato ad essere applicata ad altri campi. 

La grafica 3D, quando viene messa in pratica è suddivisa in macro aree:

  • Lighting;
  • Texturing;
  • Rendering;
  • Animation. 

Il lighting è quella parte della grafica che si occupa di ricostruire tridimensionalmente un oggetto tramite l’uso della luce virtuale. 

La luce è la base per dare tridimensionalità all’oggetto. Qualsiasi persona che studi un minimo di disegno artistico ha ben in testa questo concetto. Un grafico 3D, se non è in grado di dare tridimensionalità ad un oggetto perde una parte importante che caratterizza il suo mestiere. 

Il texturing è il passaggio successivo per realizzare una grafica 3D. L’oggetto qui prenderà colore e le varie texture che lo renderanno unico (liscio, ruvido, lucido, etc) dandogli una maggiore tridimensionalità e resa dal vero. 

Possiamo fare l’esempio di una borsa: ovviamente il colore per una borsa è fondamentale, perché sarà una delle caratteristiche che renderanno uno quel oggetto di design. 

Non dobbiamo però sottovalutare l’importanza della texture dell’oggetto. La texture in questo è il materiale che il designer decide di riprodurre su quel determinato oggetto. 

Riuscire a rendere l’effetto di una borsa pitonata o una borsa ricoperta di pelo darà una differenza sostanziale nella resa realistica dell’oggetto. 

Il rendering è la parte che studia i materiali in cui sarà composto l’oggetto che il grafico 3D andrà a realizzare. 

Il materiale ovviamente dipenderà da quale tipologia di grafica 3D avremo bisogno. Se pensiamo ai videogame eseguiti negli ultimi anni hanno una resa del vero molto delicata. 

Più il grafico 3d che lavora sui videogame sarà in grado di rendere realistici tutti i materiali con il quale sono fatti i panorami o le pelli dei personaggi, maggiore sarà l’immersione che il gamer proverà durante il gioco. 

L’ultimo importante passaggio sarà l’animation, che permetterà di mettere l’oggetto tridimensionalmente ricreato all’interno di uno spazio virtuale per poter essere visto a 360°. 

Volendo continuare con l’esempio dei videogames, l’animation è quando un personaggio viene messo all’interno di una scena, un paesaggio, e farlo muovere all’interno di esso. 

Le specializzazioni di un grafico 3D

Gli ambiti in cui un graphic designer può specializzarsi sono: grafica pubblicitaria, tv, cinema, videogame, ingegneria, multimedia, industrial design, architettura 3D. 

In seguito ci sarà un elenco dei campi su cui un grafico 3D può specializzarsi e quali abilità un vero professionista deve acquisire per svolgere questo lavoro. 

Grafica pubblicitaria, TV, cinema

Una delle specialistiche che un grafico 3D può intraprendere è quella che concerne il mondo della TV, il cinema e la grafica pubblicitaria. Pensiamo anche solo a tutti i cartoni animati moderni: Rapunzel o Gli Incredibili sono un esempio di come un grafico 3D può lavorare nel campo cinematografico e nel caso specifico dei cartoni animati. 

Anche tutti i film di fantascienza o fantasy, come la serie televisiva The game of Thrones, ha molte creature fantastiche create con degli appositi software specifici per la creazione di personaggi o ambientazioni 3D. 

È già intuibile in fatto che il grafico 3D sia una figura che con il tempo sta diventando sempre più indispensabile all’interno dei campi cinematografici, televisivi e pubblicitari. 

Il grafico 3D che decide di lavorare in questo campo deve avere delle ottime conoscenze di VFX, modeling animation e lighting. 

Le specializzazioni di un computer grafico deve avere per poter lavorare nel campo pubblicitario, tv, e cinematografico sono:

  • VFX;
  • Lighting;
  • Texturing;
  • animation;
  • Rigging;
  • Modeling;
  • Rendering.

Come è stato detto in precedenza, ogni specializzazione di grafica 3D necessita l’uso di molteplici programmi usati, ognuno con il loro scopo. Per quanto riguarda questa branca i programmi maggiormente usati sono;

  • Blender;
  • Cinema 4D;
  • Zbrush;
  • Lightwave;
  • 3D studio Max;
  • Maya.

Industrial Design

Il grafico 3D specializzato in grafica industriale è forse uno dei settori più in cerca di questa tipologia di figure. Con l’avvento di questa professione si è in grado di realizzare una grafica che sia in grado di rendere un oggetto industriale in 3D staccato da tutti i suoi elementi, ma se sia in procinto di staccarsi/attaccarsi. 

Questa tipologia di grafiche tridimensionali danno una maggiore visione di tutti i componenti presenti all’interno di un oggetto industriale. 

Le professioni addetta al montaggio/smontaggio dei componenti dei pezzi di design (per fare un esempio una macchina fotografica) avranno un aiuto maggiore nel composizione delle parti anche più piccole e garantire una migliore resa finale dell’oggetto. 

Anche qui, per poter intraprendere in graphic designer 3D occorre avere determinate competenze:

  • Modeling;
  • VFG;
  • Rendering
  • Animation;
  • Texturing
  • Lighting

Per quanto riguarda invece i programmi che assolutamente si devono conoscere per poter svolgere questa specializzazione sono,

  • Autocad;
  • Maya;
  • Cinema 4D;
  • Lightwave;
  • Zbrush;
  • 3D Studio Max;
  • Blender.

La grafica 3D multimediale

Questa specialistica la troviamo soprattutto in tutte quelle discipline multimediali che ritroviamo soprattutto nell’ambito informatico

Più precisamente parliamo degli scambi di molteplici contenuti video, testuali, fotografici, musicali, etc. 

Per far un esempio concreto, si possono citare i computer che proiettano le immagini virtuali in 3D, le immagini fatte da pc, o schermi wearable, 

Le specializzazioni utili per questa tipologia di grafico 3D sono:

  • Modeling
  • Animation
  • Rendering
  • Texturing

i programmi maggiormente usati per i grafici che lavorano su le applicazioni multimediali sono:

  • Blender;
  • Maya;
  • 3D studio max;
  • Lightwave. 

Videogames

Tutti ormai se ne sono accorti, ma i videogiochi stanno diventando delle vere e proprie opere d’arte grafica. La minuziosità dei dettagli e il rigore con cui vengono eseguite le immagini sono da vero professionista. 

Un artista ha il compito di disegnare i personaggi in varie posizioni e disegnare anche i paesaggi che circondano i personaggi. Un grafico 3d, tramite un’apposita stampante e degli appositi software, sono in grado di ricreare l’immagine tridimensionale e farle letteralmente muovere all’interno dello schermo. 

Il risultato finale è la completa immersione nel videogioco. 

Tutto questo è dato grafie alle competenze dei grafici 3D specializzati in questo tipo di lavoro.

Le specializzazioni necessarie per fare il grafico 3D;

  • Modeling;
  • Animation;
  • Rendering;
  • Texturing.

I programmi software che un grafico 3D deve seguire usare sono;

  • Lightwave;
  • Autodesk;
  • Cinema 3D;
  • Blender;
  • Zbrush;
  • Maya;
  • 3D studio max.

Architettura 3D

Uno dei primi campi in cui la grafica 3D si è infiltrata è proprio quello dell’architettura. L’architettura 3D infatti è lo sviluppo di grafiche tridimensionali che siano in grado di immergere completamente l’architetto o l’interior design quando devono svolgere un lavoro. 

Quando il compito sarà finito, entrare all’interno di una stanza o guardare da fuori un edificio sarà come averlo presente concretamente davanti agli occhi dell’osservatore. 

Con l’avvento della grafica 3D, l’architettura ha fatto un enorme salto di qualità nella ricostruzione e risoluzione dei estetici, ma soprattutto tecnici. 

Le specializzazioni per questa branca sono:

  • Modeling;
  • Lighting;
  • Rendering. 

I programmi software maggiormente utilizzati sono:

  • Lightwave;
  • Blender;
  • Maya;
  • Cinema4D;
  • 3d studio Max;
  • Autocad.

Ingegneria

L’ingegneria è stato proprio il campo di applicazione della grafica 3D. Applicata al campo dell’ingegneria, questa professione è in grado di dare un’immagine tridimensionale esplosa di tutti i componenti di un oggetto, estremamente utili per studiare gli oggetti in fase di progettazione. 

Basti pensare a quanto può essere utile una grafica esplosa di una macchina. 

Le specializzazioni in questo settore sono;

  • Modeling;
  • VFX;
  • Lighting;
  • Texturing;
  • Animation;
  • Rendering;

I programmi usati invece sono abbastanza, e tutti da conoscere alla perfezione per poter intraprendere questa carriera. 

  • Maya
  • Cinema 3D
  • Autocad 
  • Lightwave
  • Blender
  • 3D studio max
  • Zbrush

Come diventare grafico 3D

In realtà non esiste un vero e proprio percorso di studi che faccia di una persona un grafico 3D. Certamente chi all’università ha fatto un corso di grafica potrà essere facilitato perchè qualche competenza è già stata acquisita. 

La cosa migliore in ogni caso è iscriversi ad un corso specifico per diventare grafico 3D. Nel web, anche con solo poche e mirate parole è possibile trovare una vastissima quantità di corsi di graphic designer.

È importante valutare le recensioni della scuola, i corsi che si possono frequentare, i professori che hanno la cattedra e le possibilità che ogni scuola fornisce ai suoi studenti. 

Esistono dei corsi di formazione infatti che danno la possibilità ai propri studenti di fare uno stage retribuito durante il corso di formazione, oppure aiutano gli studenti a trovare uno stage extracurriculare una volta finita la formazione. 

Lo stipendio di un Grafico 3D

Il grafico 3D è una professione complessa da inserire all’interno di un quadro lavorativo. Questa professione si può definire relativamente giovane, i professionisti stanno salendo di numero, sia per quanto riguarda le specializzazioni, sia per quanto riguarda in numero di aspiranti professionisti. 

Un graphic designer ha molte possibilità di guadagnare nel caso in cui decida di intraprendere la professione come libero professionista, potendo tranquillamente ad aspirare a guadagnare 2.200 EUR lordi. Ovviamente questa cifra deve dare per scontato che il professionista in questione sia un persona in gamba, in grado di far bene il suo lavoro e possieda già una buon sfera di clienti fidelizzati. 

Nel caso in cui un graphic designer 3D decida di lavorare nell’ambito aziendale, quindi con uno stipendio da dipendente, potrà comunque aspirare ad avere un buono stipendio, che però cambierà in base ai gradi di rilevanza aziendale. 

Una figura junior, quindi uno stagista, aspirerà a guadagnare circa €500 al mese lavorando 40 ore settimanali, una volta passata la fase di stage, apprendistati e quant’altro lo stipendio di un graphic designer 3D medio è di 1.730 EUR. All’interno di un’azienda, un graphic designer potrà aspirare ad occupare il posto di graphic designer senior, per arrivare a guadagnare uno stipendio di 1.950 EUR. 

Ovviamente lo stipendio subirà variazioni anche in base agli anni di carriera.

leave your comment


Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *