image

IBM pianifica 10.000 tagli di posti di lavoro in Europa prima della vendita di unità

International Business Machines Corp. sta pianificando di tagliare circa 10.000 posti di lavoro in Europa nel tentativo di abbassare i costi nella sua unità di servizi a crescita lenta e preparare l’azienda per uno spin-off.

Secondo le persone che hanno familiarità con la questione, le perdite ad ampio raggio colpiranno circa il 20% del personale della regione. Il Regno Unito e la Germania saranno i più colpiti, con tagli previsti anche in Polonia, Slovacchia, Italia e Belgio.

IBM ha annunciato i tagli di posti di lavoro in Europa all’inizio di novembre durante un incontro con i rappresentanti dei lavoratori europei, secondo un funzionario sindacale informato sui procedimenti. La persona ha chiesto di non essere identificata perché i colloqui sono privati. Le azioni IBM sono scese dell’1,6% alle 9:37 a New York. Sono diminuiti dell’8,6% quest’anno.

“Le nostre decisioni in materia di personale sono prese per fornire il miglior supporto ai nostri clienti nell’adozione di una piattaforma cloud ibrida aperta e capacità di intelligenza artificiale”, ha detto una portavoce di IBM in una dichiarazione inviata tramite posta elettronica. “Continuiamo inoltre a fare investimenti significativi nella formazione e nello sviluppo delle competenze per gli utenti IBM per soddisfare al meglio le esigenze dei nostri clienti”.

Il colpo più duro sarà il business dei servizi IT legacy di IBM, che gestisce le operazioni quotidiane dell’infrastruttura, come la gestione dei data center dei clienti e il supporto della tecnologia informatica tradizionale per l’installazione, il funzionamento e la riparazione delle apparecchiature.

IBM ha dichiarato a ottobre che ha in programma di scorporare l’attività e concentrarsi sulla sua nuova unità di cloud computing ibrido e intelligenza artificiale, che la società spera riporterà alla crescita dei ricavi. IBM ha affermato che mira a completare il carve-out come spinoff esentasse per gli azionisti IBM entro la fine del 2021.

“Stiamo intraprendendo azioni strutturali per semplificare e razionalizzare il nostro business”, ha affermato James Kavanaugh, Chief Financial Officer di IBM, durante la chiamata agli utili del terzo trimestre della società a ottobre. “Prevediamo un addebito del quarto trimestre sui nostri risultati operativi di circa 2,3 miliardi di dollari”.

Una volta un’iconica azienda blue-chip, la stella di IBM è svanita nel corso degli anni mentre la sua eredità nel mainframe computing e nei servizi IT è rimasta indietro mentre le nuove aziende tecnologiche come Amazon.com Inc. sono piombate per dominare l’emergente mercato del cloud computing.

IBM stava già tagliando i posti di lavoro all’inizio di quest’anno, anche se la società non ha detto quante posizioni sarebbero state eliminate. L’azienda ha tradizionalmente rifiutato di rivelare il numero di tagli di posti di lavoro per decenni, con probabilmente un’eccezione nel 1993 quando Lou Gerstner, un CEO assunto dall’esterno, annunciò 60.000 licenziamenti.

Lo spin-off della sua unità di servizi è la prima grande mossa dell’amministratore delegato Arvind Krishna, che è subentrato a Ginni Rometty ad aprile e ha spinto per rilanciare la crescita dopo quasi un decennio di contrazione dei ricavi. Krishna all’inizio di quest’anno ha tagliato migliaia di posti di lavoro mentre ha iniziato a rimodellare l’attività.

L’attuale ciclo di tagli di posti di lavoro dovrebbe essere completato entro la fine della prima metà del 2021, ha aggiunto una delle persone.

leave your comment


Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *