image

I bambini cresciuti in aree più verdi hanno un QI più alto

Crescere in un ambiente urbano più verde aumenta l’intelligenza dei bambini e riduce i livelli di comportamento difficile, secondo uno studio. L’analisi di oltre 600 bambini di età compresa tra 10 e 15 anni ha mostrato che un aumento del 3% del verde del loro quartiere ha aumentato il loro punteggio QI in media di 2,6 punti.

L’effetto è stato osservato sia nelle aree più ricche che in quelle più povere. Esistono già prove significative che gli spazi verdi migliorano vari aspetti dello sviluppo cognitivo dei bambini, ma questa è la prima ricerca che esamina il QI.

La causa è incerta, ma potrebbe essere collegata a livelli di stress inferiori, più gioco e contatti sociali o un ambiente più tranquillo.

L’aumento dei punti QI è stato particolarmente significativo per quei bambini all’estremità inferiore dello spettro, dove piccoli aumenti potrebbero fare una grande differenza, hanno detto i ricercatori.

Lo studio, pubblicato sulla rivista Plos Medicine, ha utilizzato immagini satellitari per misurare il livello di verde nei quartieri, inclusi parchi, giardini, alberi da strada e tutta la vegetazione. Il punteggio medio del QI era 105, ma gli scienziati hanno scoperto che il 4% dei bambini in aree con bassi livelli di verde ha ottenuto un punteggio inferiore a 80, mentre nessun bambino ha ottenuto un punteggio inferiore a 80 in aree con più vegetazione.

I benefici di più vegetazione che sono stati registrati nelle aree urbane non sono stati replicati nelle aree suburbane o rurali.

Può essere dovuto al fatto che quei luoghi avevano abbastanza verde per beneficiarne tutti i bambini che vi vivevano. Anche le difficoltà comportamentali come la scarsa attenzione e l’aggressività sono state misurate nei bambini utilizzando una scala di valutazione standard e il punteggio medio era 46. In questo caso, un aumento del 3% del verde ha determinato una riduzione di due punti dei problemi comportamentali, in linea con studi precedenti.

Secondo uno studio, crescere in un ambiente urbano più verde aumenta l’intelligenza dei bambini e abbassa i livelli di comportamento difficile.

L’analisi di oltre 600 bambini di età compresa tra 10 e 15 anni ha mostrato che un aumento del 3% del verde del loro quartiere ha aumentato il loro punteggio di QI in media di 2,6 punti. L’effetto è stato osservato sia nelle aree più ricche che in quelle più povere.

Esistono già prove significative che gli spazi verdi migliorano vari aspetti dello sviluppo cognitivo dei bambini, ma questa è la prima ricerca che esamina il QI. La causa è incerta, ma potrebbe essere collegata a livelli di stress inferiori, più gioco e contatti sociali o un ambiente più tranquillo.

L’aumento dei punti QI è stato particolarmente significativo per quei bambini all’estremità inferiore dello spettro, dove piccoli aumenti potrebbero fare una grande differenza, hanno detto i ricercatori.

Ci sono sempre più prove che l’ambiente verde è associato alla nostra funzione cognitiva, come le capacità di memoria e l’attenzione“, ha detto Tim Nawrot, professore di epidemiologia ambientale presso l’Università di Hasselt in Belgio, dove è stato condotto lo studio.

Ciò che questo studio aggiunge al QI è una misura clinica più difficile e consolidata. Penso che i costruttori di città o gli urbanisti dovrebbero dare la priorità agli investimenti in spazi verdi perché è davvero un valore creare un ambiente ottimale in cui i bambini possano sviluppare il loro pieno potenziale“.

Lo studio, pubblicato sulla rivista Plos Medicine, ha utilizzato immagini satellitari per misurare il livello di verde nei quartieri, inclusi parchi, giardini, alberi da strada e tutta la vegetazione.

Il punteggio medio del QI era 105, ma gli scienziati hanno scoperto che il 4% dei bambini in aree con bassi livelli di verde ha ottenuto un punteggio inferiore a 80, mentre nessun bambino ha ottenuto un punteggio inferiore a 80 in aree con più vegetazione.

I benefici di più vegetazione che sono stati registrati nelle aree urbane non sono stati replicati nelle aree suburbane o rurali. Nawrot ha suggerito che ciò potrebbe essere dovuto al fatto che quei luoghi avevano abbastanza verde per tutti i bambini che vi vivevano.

Anche le difficoltà comportamentali come la scarsa attenzione e l’aggressività sono state misurate nei bambini utilizzando una scala di valutazione standard e il punteggio medio era 46. In questo caso, un aumento del 3% del verde ha determinato una riduzione di due punti dei problemi comportamentali, in linea con studi precedenti.

I ricercatori hanno preso in considerazione la ricchezza e i livelli di istruzione dei genitori dei bambini, escludendo in gran parte l’idea che le famiglie che sono in una posizione migliore per sostenere i bambini abbiano semplicemente più accesso allo spazio verde.

È noto che livelli più elevati di inquinamento atmosferico compromettono l’intelligenza e lo sviluppo dell’infanzia, ma anche questo fattore è stato escluso come spiegazione.

Invece, gli scienziati hanno suggerito livelli di rumore più bassi, stress inferiore – come si è scoperto in altre ricerche sui benefici dello spazio verde – e maggiori opportunità per attività fisiche e sociali potrebbero spiegare i punteggi QI più alti.

Due ore di natura aumenta in modo significativo la salute

Il dottor Mathew White, uno psicologo ambientale presso la Exeter University nel Regno Unito, che non faceva parte del gruppo di studio, ha elogiato la qualità della ricerca.

Sono sempre diffidente nei confronti del termine intelligenza in quanto ha una storia problematica e associazioni sfortunate“, ha detto. “Ma, semmai, questo studio potrebbe aiutarci ad allontanarci dal vedere l’intelligenza come innata – potrebbe essere influenzata dall’ambiente, e penso che sia molto più salutare”.

White ha detto che era ragionevole suggerire più esercizio fisico e meno stress come ragioni per i punteggi di QI più alti. “Ma non sono sicuro del motivo per cui l’intelligenza generale dovrebbe essere migliorata da queste cose”, ha detto. “La mia ipotesi è che le misure di intelligenza stiano davvero rilevando la capacità di un bambino di concentrarsi e attenersi a un compito, come è stato dimostrato in precedenza da studi sullo spazio verde“.

Uno studio sui bambini che vivono a Barcellona, ​​pubblicato nel 2015, ha mostrato che più spazio verde è associato a una migliore memoria di lavoro e attenzione.

I ricercatori del nuovo studio sono stati in grado di spiegare molti dei fattori che potrebbero influenzare il QI, ma i dati sul tipo di spazio verde non erano disponibili. Il lavoro precedente ha dimostrato che questo può essere importante, con gli alberi che danno più benefici allo sviluppo dei bambini rispetto ai terreni agricoli o alle macchie, per esempio.

Il team inoltre non disponeva di informazioni su dove gli alunni frequentassero la scuola, ma la maggior parte dei bambini belgi frequenta scuole vicine.

Altri cinque modi per aumentare le capacità intellettuali

  1. Esercizio

Il legame tra attività fisica, endorfine e miglioramento della salute mentale è stato ben documentato. Ma ora, è stato dimostrato che l’esercizio fisico aumenta le capacità intellettuali, con i ricercatori dell’Università del Texas all’inizio di quest’anno che hanno scoperto che l’esercizio aerobico migliora il flusso sanguigno nelle regioni del cervello associate alla memoria.

  1. Alimenti

Alcuni cibi, in particolare il pesce azzurro, le noci e persino il cioccolato, sono stati collegati a un miglioramento delle prestazioni cerebrali. Il pesce azzurro è ricco di acidi grassi omega-3, mentre le noci sono un’ottima fonte di vitamina E e il cioccolato fondente è ricco di antiossidanti.

  1. Pisolino di mezzogiorno

Una buona scusa per un pisolino di mezzogiorno può essere che è giustificato come un metodo efficace per trasformare in meglio le capacità intellettuali. I ricercatori dell’Università di Bristol hanno scoperto che in uno studio su 16 partecipanti, coloro che avevano fatto un pisolino di 90 minuti prima di eseguire una serie di attività avevano migliorato le risposte e il miglioramento nell’elaborazione delle informazioni.

  1. Meditazione

Lo yoga, la meditazione e altri tipi di attività consapevole sono diventati sempre più popolari negli ultimi anni. Indipendentemente dalla tendenza, è stato scoperto che la meditazione in particolare ha una varietà di benefici neurologici. Ad esempio, i ricercatori dell’Università della California a Los Angeles hanno scoperto che la meditazione a lungo termine può aiutare il cervello a combattere gli effetti dell’invecchiamento.

  1. Pensiero positivo

Pensieri positivi, affermazioni e persino “manifestare” sono stati salutati come un modo per cambiare la vita in meglio, con quest’ultimo che ha persino ottenuto l’approvazione sia di Gwyneth Paltrow che di Oprah Winfrey.

Ma tali attività hanno anche un effetto positivo sul cervello, con ricerche che suggeriscono che pensieri positivi e felici possono stimolare la crescita delle connessioni nervose e persino aumentare l’attenzione.

Iscriviti al Canale Telegram di Cercalavoro.it

lascia un commento


Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.