Svelato il test per lavorare come navigator

Come avevamo preannunciato nella nostra guida per diventare navigator si è ufficialmente aperto il bando per ricoprire la nuova posizione prevista dal governo nell’ambito della misura del reddito di cittadinanza.

Con le domande per accedere al reddito già presentabili dal 6 marzo, il tempo per selezionare questa prima tranche di tutor è stretto e pertanto sarà utile attivarsi immediatamente per accedere alle selezioni.

Dalla stessa data infatti è stato pubblicato il bando reperibile direttamente sul sito Anpal Servizi, per individuare la società di servizi che affiancherà quest’ultima nella selezione dei primi 6000 navigator. Ricordiamo che i restanti 4000 previsti dalle stime del governo saranno soggetti alla selezione degli uffici per il lavoro regionali.

All’interno di questo sono state svelate le prove che dovranno sostenere i candidati.

In cosa consiste la selezione per diventare navigator

Come anticipato dal bando, e spiegato anche dalle componenti stati in conferenza stampa, la selezione prevede dei paletti in entrata. La ricerca è infatti volta a laureati nelle seguenti discipline

  • Economia
  • Giurisprudenza
  • Sociologia
  • Scienze politiche
  • Psicologia
  • Scienze della formazione

Senza essere in possesso di una di queste lauree sarà dunque impossibile accedere al concorso.

Oltre a questo nel bando stilato da Anpal si hanno importanti informazioni riguardo le prove da sostenere per superare la selezione.

Se inizialmente era prevista una scrematura dai curriculum con successivo colloquio, vista la grande mole di candidati da valutare, l’Anpal ha optato per la proposta di un questionario a crocette, che sebbene risulti meno preciso come metodo di selezione, garantisce una maggiore velocità di valutazione dei candidati.

Leggendo nel capitolato tecnico del bando si può chiaramente vedere come il questionario sia già stato strutturato, se non proprio nelle specifiche domande almeno negli argomenti da trattare.

Delle 100 domande previste il bando comunica la seguente suddivisione in argomenti:

10% quesiti di cultura generale
10% quesiti psicoattitudinali
10% quesiti di logica
10% quesiti di informatica
10% quesiti sui modelli e gli strumenti di intervento delle politiche del lavoro
10% quesiti sul reddito di cittadinanza
10% quesiti sulla disciplina dei contratti di lavoro
10% quesiti sul sistema di istruzione e formazione
10% quesiti sulla regolamentazione del mercato del lavoro
10% quesiti su economia aziendale

Anpal ha previsto la redazione di 1500 test differenti, con 4 risposte multiple possibili di cui solo 1 inequivocabilmente esatta.

Quando iniziano le selezioni per diventare navigator

Per ora il bando pubblicato riguarda la ricerca di una società di servizi che possa affiancare Anpal nella gestione della selezione. Tale bando si si chiuderà alle ore 12.00 del 25 marzo, pertanto presumibilmente dopo quella data si avranno a disposizione i giorni utili per presentare le richieste di partecipazione ai test. Il governo prevede per questa prima tornata di selezioni un afflusso di circa 60 mila candidati. Ancora nessuna novità invece relativa ai contratti dei navigator che secondo le ultime notizie dovrebbero essere dei classici Co. Co. Co. Con durata di due anni, anche se in questo senso sono arrivate rassicurazione dal governo circa una probabile stabilizzazione di queste figure anche dopo il primo periodo di intenso lavoro dovuto al reddito di cittadinanza

Un commento su “Svelato il test per lavorare come navigator”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *