Le difficoltà dei reclutatori di personale

L’industria del reclutamento personale è arrivata ad uno snodo cruciale.

Secondo una recente statistica del Bureau of Labor, il tasso di disoccupazione negli Usa è sceso al 3,7% ad ottobre 2018, toccando un minimo storico dal 1969. Questo significa che raramente c’è stato un momento migliore per essere un lavoratore negli Stati Uniti, ma al contempo il lavoro del recruiter si è complicato non poco.

Nuove strade per reclutare talenti

Ovviamente questo cambiamento di scenario impone una svolta anche per i recruiter, che devo ingegnarsi per trovare nuove strade ai fini del raggiungimento del loro obiettivo.

Tutto quello che valeva negli anni passati è destinato a cambiare repentinamente ed una recente indagine tra i recruiter americani ha portato a risultati interessanti, che potrebbero essere un’anticipazione di quello che potrebbe accadere anche in Europa.

Uno dei dati che salta maggiormente all’occhio è il mutamento delle metriche di valutazione dei candidati: ora un reclutatore è maggiormente attento al tasso di fidelizzazione potenziale di un candidato verso l’azienda, ed in genere alle qualità non esclusivamente tecniche del candidato, per assicurarsi che le aziende oltre ad assumere di più assumano anche meglio.
Il calo della disoccupazione ha comunque spostato il baricentro verso i lavoratori. Quindi anche la dinamica di rapporto tra candidati e recruiter è stato stravolto.

Infatti adesso sono i selezionatori del personale che devono impegnarsi nella ricerca in maniera maggiore rispetto a prima. E devono farlo percorrendo nuove strade fino ad ora inesplorate.

L’impatto maggiore di questa nuova era arriva ovviamente dai social network, e nuovi canali come Instagram stanno crescendo in popolarità sia tra chi cerca lavoro che tra i recruiter.

Inoltre una volta contattati, avendo un buon numero di possibilità a disposizione, i candidati non si accontenteranno di una semplice buona offerta, pertanto uno dei nuovi obiettivi del recruiter è quello di rendere sempre più veloce il processo di inserimento nell’azienda del potenziale neo assunto, migliorando anche i processi nella fase di onboarding.

Nuove sfide per il reclutamento

Alla luce di queste considerazioni i recruiter statunitensi provano a tracciare un’immagine del futuro nel loro ambito professionale.

Il 74% di loro crede infatti che la ricerca di nuovi candidati diventerà ancor più competitiva nel corso del prossimo anno, mentre il 31% è ancora convinto che il quality hire (una metrica complessa che valuta la qualità del candidato) sia la caratteristica fondamentale da ricercare. Si fa sempre più strada però la percentuale di coloro che credono che il fattore più ricercato per le aziende sia il cosiddetto retention rate, cioè il tempo di permanenza di un candidato in una singola azienda.

Oltre a queste metriche incentrate sui desideri delle aziende clienti dei recruiter, i selezionatori si sono espressi anche sulle nuove tecniche di reclutamento.

Il 25% di loro afferma infatti di investire nei nuovi social media come Instagram, soprattutto per raggiungere i contatti dei millennials che si stanno affacciando al mondo del lavoro. Inoltre un dato ancora più interessante è che ben l’88% dei reclutamenti on line, ottengono un giudizio positivo dai giovani candidati, dimostrando l’efficacia di questa nuova possibilità.

Tutti questi dati dimostrano un cambiamento globale del mondo del lavoro statunitense, e quindi una probabile tendenza anche in Europa nei prossimi anni. La differenza maggiore resta quella di un potere negoziale che si sta spostando sempre di più verso il lavoratore, con in recruiter che nel corso del 2018 hanno registrato un aumento delle trattative salariali dei propri candidati nel 75% dei casi.

La nascita di nuove figure, sempre più ricercate, e una robusta ripresa economica, hanno quindi portato il mercato americano a ribaltare i rapporti di forza tra imprese e lavoratore, costringendo anche i reclutatori a variare le loro metriche di lavoro.

10 Cose da non dire ad un colloquio di lavoro

Quando si affronta un colloquio di lavoro molte delle preoccupazioni risiedono nelle domande che potrebbero essere poste e nelle risposte che vengono date. Molto spesso infatti sapere come presentarsi ad un colloquio di lavoro può fare la differenza tra un esito positivo e uno negativo, ancora di più del peso del proprio curriculum. Vediamo insieme quali sono le 10 cose da non dire assolutamente per superare brillantemente un colloquio.

1 Di cosa si occupa l’azienda?
Presentarsi ad un colloquio senza un minimo di preparazione sull’azienda con la quale parliamo denota una superficialità che non passerà inosservata all’esaminatore di turno.

2 Odio il mio attuale lavoro
L’insoddisfazione per il proprio attuale lavoro è sicuramente una molla che spinge a trovarne un altro, ma agli occhi di un recruiter un sentimento d’odio verso il proprio impiego è considerato un comportamento a rischio che potrebbe potenzialmente ripetersi in caso d’assunzione.

3 Odio il mio capo/i miei colleghi
Vale quanto detto sopra, con l’aggravante che tale comportamento denota anche una scarsa propensione a lavorare in team in maniera costruttiva.

4 Lavoravo troppo
Dichiarare che nel precedente impiego si lavorava troppo ha un duplice effetto negativo: si rischia di passare come una persona non incline alla fatica e di sminuire l’impegno necessario nell’affrontare la nuova avventura lavorativa.

5 Quanto di stipendio?
Da sempre è buona regola aspettare che sia il rappresentante dell’azienda che svolge il colloquio a parlare della retribuzione. Farlo per primi e magari nelle fasi iniziali di un colloquio denota un eccessivo attaccamento al denaro.

6 Trova tutto scritto nel curriculum
Molto spesso un recruiter vuole sentire dal diretto interessato qualcosa di più riguardo il suo percorso. Liquidarlo invitandolo a cercarsi le informazioni nel curriculum non aiuterà la buona riuscita del colloquio.

7 Ho assoluto bisogno di lavorare
Anche se quel colloquio rappresenta l’ultima spiaggia non bisogna mai apparire alla disperata ricerca di un lavoro: questo infatti potrebbe portare l’esaminatore a farsi delle domande sul perché siamo arrivati fino a quel punto di disperazione.

8 Anche se non ho i titoli, imparo in fretta
Molto spesso un recruiter ricerca una figura con competenze dimostrate e già autonoma. Sarebbe dunque buona regola non giocarsi la carta della buona volontà, se non espressamente richiesta dal tipo di lavoro.

9 Devo pensarci su
Al contrario del disperato, anche apparire troppo altezzoso potrebbe allarmare il recruiter di turno, preoccupato di trovarsi di fronte ad una persona problematica di difficile gestione.

10 Come sono andato?
Buona regola è anche quella di evitare una domanda così scontata alla quale ovviamente un recruiter non è tenuto a rispondere. Le varie considerazioni sullo svolgimento del colloquio sono infatti di competenza dell’esaminatore e di chi decide per le assunzioni.

Burnout, Lavorare quattro giorni a settimana, ed essere pagato per cinque giorni?

Sembra troppo bello perché sia vero, ma molte aziende in tutto il mondo lo stanno applicando e hanno scoperto che i lavoratori sono molto più produttivi, più motivati e meno stressati.

Il termine “burnout” coniato negli anni ’70 dallo psicologo americano Herbert Freudenberger decrive descrive le conseguenze di un grave stress causato da un eccessivo lavoro. Medici e infermieri, ad esempio, che si sacrificano per gli altri, finiscono spesso per essere “bruciati” – esausti, svogliati e incapaci di far fronte alle più basilari necessità. Nei giorni nostri il termine è per descrivere questo fenomeno che colpisce tutti i tipi di lavoro dalle star del cinema ai dipendenti fino alle casalinghe oberate di lavoro.
Jan Schult-Hofen, fondatore della società di gestione progetti software Planio di Berlino, è la persona che ha introdotto questa riduzione della settimana lavorativa e ha detto che è molto più sano e i dipendenti fanno un lavoro migliore, evitando cosi orari pazzeschi.

Molte aziende in tutto il mondo, come la società Perpetual Guardinan, in Nuova Zelanda, hanno testato questo metodo e hanno scoperto che il lavoro e meno stressante e l’impegno dello staff aumenta applicando una settimana ridotta a trentadue ore. Anche in Giappone il governo sta spingendo le compagnie permettendo di avere il lunedì mattina come vacanza. Il “Trades Union Congress” dell’Inghilterra sta incoraggiando tutto il paese a passare a quattro giorni lavorativi la settimana, entro alla fine di questo secolo. Secondo TUC questo metodo ridurrà lo stress, migliorerà la vita familiare e aumenterà l’uguaglianza di genere.

SOVRACCARICO DA LAVORO

Lucie Greene, esperto di tendenze presso la società di consulenza J. Walter Thompson, ha detto che è un aumento della reazione negativa contro il superlavoro, sottolineata da un’ondata di critiche dopo che il capo di TESLA ha twittato che “nessuno ha mai cambiato il mondo in quaranta ore alla settimana“.

Le persone cercano di non essere collegate la maggior parte del tempo con la vita digitale, dal momento che hanno notato problemi di salute mentale essendo costantemente connessi con il lavoro“, ha affermato Greene.

Di recente è stato condotto un sondaggio su 3000 dipendenti in otto paesi, tra cui Stati Uniti, Inghilterra e Germania. Il risultato di questo sondaggio mostra che il 50% dei dipendenti può terminare il proprio compito entro cinque ore lavorative, se non sono interrotti, però molti lavorano più di quaranta ore settimanali. Lo stato leader sono gli Stati Uniti, dove il 49% dei dipendenti lavora fuori orario.

Dan Schawbel, direttore della società di sviluppo esecutivo Future Workplace, afferma che il lavoro s’insinua costantemente nella nostra vita, anche a cause della tecnologia. Questo porta le persone a uno stato di burnout.

Schulz-Hofen, ha provato personalmente a lavorare quattro giorni la settimana e ha confermato che ha eseguito lo stesso lavoro che faceva di solito in cinque giorni. Secondo lui, il motivo e che in cinque giorni lavorative a settimana, hai l’idea di avere più tempo alla tua disposizione per permetterti di avere più tempo per parlare con il tuoi colleghi, più tempo per il caffè, e per interruzioni durante il lavoro. Quando hai solo quattro giorni, devi essere più concentrato se vuoi il venerdì libero.