image

La Germania, prova il reddito di cittadinanza

La Germania sta per diventare l’ultimo paese a sperimentare un reddito di cittadinanza, avviando uno studio triennale su come influisce sull’economia e sul benessere dei beneficiari.

Nell’ambito dello studio, 120 persone riceveranno 1.200 EUR ogni mese per tre anni – un importo appena al di sopra della soglia di povertà tedesca – i ricercatori confronteranno le loro esperienze con un altro gruppo di 1.380 persone che non riceveranno i pagamenti.

Lo studio, condotto dall’Istituto tedesco per la ricerca economica, è stato finanziato da 140.000 donazioni private.

A tutti i partecipanti verrà chiesto di compilare questionari sulla loro vita, lavoro e stato emotivo per vedere se un reddito di base ha avuto un impatto significativo.

Il reddito di base universale (qui in Italia lo chiamiamo di cittadinanza) è l’idea che un governo dovrebbe pagare una somma forfettaria di denaro a ciascuno dei suoi cittadini, di solito una volta al mese, indipendentemente dal loro reddito o condizione lavorativa, sostituendo efficacemente i benefici basati sul reddito.

I suoi sostenitori sostengono che ridurrebbe la disuguaglianza e migliorerebbe il benessere fornendo alle persone maggiore sicurezza finanziaria. I suoi oppositori dicono che sarebbe troppo costoso e scoraggerebbe le persone dall’andare a lavorare. L’idea ha preso piede negli ultimi anni tra le crisi finanziarie e la crescente disuguaglianza in alcuni paesi occidentali.

Jürgen Schupp, che sta guidando lo studio, ha detto al quotidiano tedesco Der Spiegel che migliorerebbe il dibattito sul reddito di base universale producendo nuove prove scientifiche.

“Il dibattito sul reddito di base è stato finora come un salone filosofico nei momenti buoni e una guerra di fede nei momenti difficili”, ha detto al quotidiano.

“È – su entrambi i lati – plasmato da cliché: gli oppositori affermano che con un reddito di base le persone smetterebbero di lavorare per stancare sul divano con fast food e servizi di streaming. I sostenitori sostengono che le persone continueranno a fare un lavoro soddisfacente, diventeranno di più creativo e caritatevole e salva la democrazia.

“Per inciso, questi stereotipi confluiscono anche in simulazioni economiche come ipotesi sui presunti costi e benefici di un reddito di base.

“Possiamo migliorare questo se sostituiamo questi stereotipi con conoscenze empiricamente provate e possiamo quindi condurre un dibattito più appropriato”.

Un gruppo di lobbying pro-reddito di base chiamato Mein Grundeinkommen sta finanziando l’esperimento. Dal 2014 il gruppo ha utilizzato le donazioni dei suoi sostenitori per finanziare pagamenti mensili di 1.000 euro per 668 persone.

La Finlandia ha sperimentato una forma di reddito di base per quasi due anni: da gennaio 2017 a dicembre 2018, 2.000 finlandesi disoccupati hanno ricevuto 560 EUR al mese. Ma i ricercatori dietro quel processo hanno concluso che, sebbene abbia portato le persone senza lavoro a sentirsi più felici, non ha portato a un aumento dell’occupazione.

leave your comment


Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *